Carne di maiale vegetale: arriva Impossible Pork

Carne di maiale vegetale: arriva Impossible Pork

Fonte immagine: Impossible Food

Impossible Pork, la finta carne di maiale si prepara a invadere i ristoranti americani: proprietà, valori nutrizionali e prezzo.

Non più solo finto manzo. Il 2020 si apre con un’altra grande novità che farà piacere a vegani e onnivori: la finta carne di maiale completamente vegetale. A lanciare questa novità è Impossibile Food, una delle aziende che insieme a Beyond Meat, sta letteralmente rivoluzionando il mondo della carne. Anche se è improprio parlare di carne, infatti sia Impossible Food che Beyond Meat, hanno come obiettivo quello di realizzare dei cibi che imitano la carne, sia nell’aspetto che nel sapore, ma senza contenere nulla di derivante dagli animali.

Finora Impossibile Food si è concentrata, al pari di Beyond Meat, a rimpiazzare l’hamburger di manzo con dei vegan burger di discreto successo, ma al CES 2020 di Las Vegas ha deciso di “alzare l’asticella” annunciando Impossible Pork, un composto a base vegetale che è in tutto e per tutto simile alla carne di maiale.

Chi ha assaggiato in anteprima Impossibile Pork a Las Vegas non ha notato differenze apprezzabili rispetto alla vera carne di maiale anche se le differenze sono abissali in termini di ingredienti.

Il componente principale di Impossible Pork è la soia, un legume altamente proteico e dunque un ottimo sostituto di carne e pesce, ma all’interno si trovano anche grassi come l’olio di semi di girasole e l’olio di cocco, aminoacidi, vitamine, zucchero, e la chiave di tutto cioè l’eme, un composto contenente ferro, presente in tutti gli organismi viventi, che consente di dare il sapore e il “finto sanguinamento” che mima la carne.

Nei piani dell’azienda ci sono anche altre possibili novità: un bacon completamente vegetale e pesce vegetale. Ma ancora è presto per parlarne, il prossimo lancio sarà Impossible Sausage, una finta salsiccia vegetale che verrà venduta alla fine del mese di gennaio negli Stati Uniti presso i fast food di Burger King.

Non c’è dubbio che la finta carne vegetale sarà un trend in crescita in questo 2020, sia per il suo minore impatto ambientale, tema sempre più centrale per i consumatori mondiali, sia per la totale assenza di sofferenze arrecate agli animali. Tuttavia guai a pensare che questi sostituti della carne possano essere automaticamente più salutari: i composti vegetali realizzati da Beyond Meat e Impossibile Food hanno alti contenuti calorici e di grassi, paragonabili a quelli della vera carne. È stato calcolato infatti come quattro once di Impossible Pork, un po’ più di 100 grammi, contengano 220 calorie rispetto alle 350 calorie della carne di maiale. I grassi sono 13 grammi per la finta carne di maiale e 32 grammi per la vera carne. Di seguito una tabella elaborata da CNet che consente di capire nel dettaglio i differenti valori a confronto tra Impossibile Pork e la vera carne di maiale:

Confronto Impossible pork VS carne di maiale
Fonte: CNET Confronto Impossible pork VS carne di maiale

L’arrivo in Italia di Impossible Pork e Impossible Sausage, che tra l’altro sono anche cibi kosher e halal, non è ancora noto ma è probabile che molti ristoranti vegan possano presto ospitarli nei propri menu, senza escludere anche Burger King che si è già lanciato ultimamente nella vendita di burger vegetali. Non è noto ancora neanche il prezzo con cui verrà commercializzata Impossible Pork, negli Stati Uniti si vocifera che potrebbe aggirarsi sugli $8.99 per una confezione da 12 once, come già avviene per Impossible Burger.

Fonte: Impossible Pork

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Dentifricio alla menta fatto in casa