Car sharing a Milano: accordo fra Italo e Car2go

Car sharing a Milano: accordo fra Italo e Car2go

Grazie al sodalizio fra le due società gli utenti che scelgono Italo avranno sconti e agevolazioni sul servizio di car sharig car2go e viceversa.

Un sodalizio fra car sharing e alta velocità: è quello realizzato da car2go, il servizio di car sharing di Daimler Mercedes-Benz già avviato a Milano e previsto anche a Roma, e Italo, della società NTV . L’obiettivo dell’accordo è creare un collegamento stabile fra chi usa il treno e il servizio di noleggio condiviso, grazie ad un app dedicata e a sconti per gli utenti.

Dopo l’accordo raggiunto da Frecciarossa e il car sharing di Eni, Enjoy, anche la società fondata da Luca Cordero di Montezemolo punta sulla mobilità sostenibile: per farlo ha scelto car2go, servizio di Daimler che, in sole 28 settimane dall’avvio a Milano, conta già 60 mila iscritti e un parco macchine di 600 smart.

Una volta scesi dal treno ad alta velocità, i clienti di Italo potranno prenotare la Smart a noleggio più vicina grazie all’app di car2go: con l’accordo raggiunto tra le due società, gli utenti che scelgono Italo godranno di vantaggi per la prenotazione delle auto e viceversa.

Nella fase di lancio del servizio, la NTV, prevede, per i quasi 400 mila iscritti al programma fedeltà Italo Più, una registrazione gratuita e un bonus di 45 minuti, mentre gli utenti di car2go una serie di voucher per ottenere sconti sui biglietti Italo nelle fasce Base ed Economy, upgrade dei biglietti smart e l’accesso alle sale riservate. Nella seconda fase, dal 1 maggio e per i mesi successivi, entrambe le società prolungheranno gli sconti, con qualche modifica.

Per il momento, il servizio è attivo nella città di Milano, ma non è esclusa una sua estensione a Roma, nei prossimi mesi: il car sharing di car2go, infatti, si prepara ad approdare nella Capitale e, probabilmente, anche a Firenze e Bologna entro la fine dell’anno.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Prova su strada di enjoy, il car sharing di Eni