• GreenStyle
  • Pets
  • Cannabis legale: in pensione i cani antidroga in USA

Cannabis legale: in pensione i cani antidroga in USA

Cannabis legale: in pensione i cani antidroga in USA

Con la legalizzazione della cannabis in alcuni stati degli USA, i cani poliziotto sono andati in pensione: ecco come verranno impiegati i quadrupedi.

Hanno eseguito per anni il loro lavoro con amore e dedizione, passando al setaccio stazioni, aeroporti, luoghi d’aggregazione pubblica e molto altro ancora. Eppure oggi rischiano il prepensionamento, a causa delle nuove norme approvate in alcuni stati degli USA: con la legalizzazione della cannabis, molti cani poliziotto si sono trovati a dover cambiare vita.

La notizia giunge in questi giorni proprio dagli States, dove da settimane ci si interroga su come gestire decine di cani poliziotto appartenenti alla divisione K-9, a seguito dell’approvazione della cannabis legale in stati come la California e il Colorado. Questi animali sono infatti stati addestrati per identificare qualsiasi tipo di sostanza stupefacente, inclusa la marijuana, e non possono essere sottoposti a un ulteriore training per correggerne le capacità.

In un primo momento si è pensato di permettere ai cani di identificare qualsiasi droga, lasciando alla polizia il compito di distinguere tra sostanze legali e illegali, ma ne è emerso un processo altamente dispendioso, sia in termini di tempo che di efficacia. Non è però tutto, poiché la legge richiede che i quadrupedi siano specificatamente addestrati sulle necessità del nuovo quadro normativo, pena la caduta delle prove scovate. La soluzione è quindi dotarsi di nuovi animali, addestrati da zero, capaci sin dal primo training di escludere la cannabis dalle loro rilevazioni olfattive.

Ma che fare con questi casi, diventati dei “baby pensionati” di polizia? La soluzioni al vaglio sono le più svariate. Dall’adozione da parte degli stessi poliziotti all’affido presso famiglie amorevoli, passando per il riconoscimento degli animali in difficoltà, la pet-therapy e molto altro ancora. Qualsiasi sarà il loro futuro, dall’America assicurano: questi quadrupedi non verranno lasciati da soli.

Seguici anche sui canali social