Cani al ristorante: regole, trucchi e comportamento

Cani al ristorante: regole, trucchi e comportamento

Fonte immagine: Unsplash

Cenare al ristorante con il cane è consentito, ma è necessario considerare alcuni fattori, a partire dalla disponibilità dello stesso esercizio.

Andare al ristorante con il cane è da tempo possibile: lo stabilisce la legge, poiché l’esercizio è considerato un luogo aperto al pubblico, quindi di fruizione comune. Allo stesso modo, il quadrupede non può accedere a tutti i locali dove si preparano, manipolano, lavorano, trattano e conservano gli alimenti, come ad esempio una cucina oppure un supermercato: lo determina il Regolamento n. 852/2004/CE, per evitare eventuali contaminazioni. Ma come ci si deve comportare per trascorrere una serata al ristorante con il cane di affezione?

Spazio pubblico e spazio aperto al pubblico

La legge è chiara in merito: il cane può accedere a tutti i luoghi pubblici, cioè di proprietà del demanio dello Stato, e a tutti gli spazi con accesso al pubblico, ovvero quelli di proprietà privata ma dove le persone possono accedere. Solitamente questi rientrano nella categoria degli esercizi commerciali come ad esempio bar, ristoranti, negozi e mezzi di trasporto, dove è consentito l’ingresso al quadrupede, seppur con riserve in qualche caso.

Il proprietario potrebbe impedirgli di varcare la soglia chiarendo il tutto con un cartello, da applicare sulla porta d’entrata. Un discorso simile può valere per il ristorante e, come per tutti i locali aperti al pubblico, il cane vi può accedere liberamente se il gestore non impone un diniego, ma sempre con museruola e guinzaglio al seguito.

Cane al ristorante

Cane al ristorante

Come anticipato, il ristorante rientra nella categoria dei luoghi aperti al pubblico gestiti privatamente, dove il cane può accedere a patto che il proprietario non preferisca vietarne l’ingresso, affiggendo un apposito cartello di divieto sulla porta. Ma è sempre buona regola domandare prima varcare la soglia del locale, muniti di museruola e guinzaglio, tenendo in considerazione anche l’indole dell’animale e la sua dimestichezza con gli spazi affollati.

Scelta del tavolo e collocazione

Se l’accesso al ristorante è consentito, è bene richiedere un tavolo in un’area appartata e tranquilla, dove il passaggio del personale o del pubblico risulti meno frequente, così da non creare disagio a chi non ha interesse a interagire con il quadrupede. Il cane dovrà accomodarsi accanto alla famiglia, preferibilmente indossando una museruola, specialmente se è di indole irruente e curiosa, con una ciotola d’acqua a portata di mano, che spesso viene offerta dal locale stesso. Meglio evitare che pasteggi insieme al proprietario o che riceva gli avanzi della cena, un trucco per evitare che si agiti eccessivamente. L’ideale potrebbe essere la scelta di collocarlo sotto al tavolo o alle sedie, così da tranquillizzarlo evitando che gironzoli per lo spazio.

Comportamento ed educazione

Cane al ristorante

Il cane dovrà comportarsi educatamente, nel rispetto della condivisione di uno spazio comune, spesso frequentato anche da chi non è abituato alla sua presenza, magari a distanza di sicurezza da chi lamenta di soffrire di allergie legate al suo pelo. Non solo con guinzaglio e seduto tranquillamente, ma anche pulito e sano, adagiato sopra una copertina oppure un mini tappetino, facilmente trasportabile.

Se la cena si dovesse dilungare, è importante consentirgli una pausa per la sgambata e i bisogni, da effettuare fuori dal locale in un’area verde. L’interazione con gli avventori, il comportamento e l’utilizzo della museruola sono incognite spesso legate all’educazione ricevuta dal cane e alla sua indole. Se l’amico è calmo e tranquillo, passerà il suo tempo sonnecchiando accanto ai piedi dell’umano, se invece possiede un temperamento vivace e fin troppo agitato, è meglio tranquillizzarlo evitando distrazioni e richiami da parte degli estranei.

Condivisione del tempo di qualità

La scelta di farsi accompagnare dal cane è sicuramente positiva, frutto della lunga convivenza quotidiana e di una routine fatta di comportamenti e conoscenza reciproca. Ma prima di condurre l’amico al ristorante, è bene domandarsi se per lui sia un’esperienza gradita oppure se potrebbe solo agitarlo, annoiarlo o ancora stressarlo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!