• GreenStyle
  • Pets
  • Cani: più di 25 cani morti in Norvegia per una misteriosa malattia

Cani: più di 25 cani morti in Norvegia per una misteriosa malattia

Cani: più di 25 cani morti in Norvegia per una misteriosa malattia

Fonte immagine: FatCamera via iStock

Una malattia misteriosa ha colpito i cani in Norvegia: più di 25 sono deceduti, ma le autorità non sono riusciti a isolarne le cause.

Una misteriosa malattia sta colpendo i cani norvegesi, causandone la morte in tempi brevissimi. Più di 25 esemplari hanno già perso la vita, e si sospetta che in totale siano 40 i contagiati, una condizione che ha gettato i proprietari nel panico. Parchi cittadini e giardini sono sempre più deserti, per paura che il quadrupede di casa possa essere raggiunto dalla patologia, mentre i veterinari cercano di capirne di più.

Al momento non sono note le cause dell’infezione, né le possibili cure. I cani contagiati vedono peggiorare le loro condizioni di salute in brevissimo tempo, con vomito, diarrea, perdita dell’equilibrio e stanchezza. Circa 25 esemplari sarebbero deceduti nelle ultime settimane, su tutto il territorio della Norvegia, tanto da attivare il servizio di monitoraggio e allerta della Norwegian Food and Safety Authority. Gli esperti stanno conducendo delle indagini per capire la natura della patologia, sebbene a oggi non si abbia alcuna risposta:

L’Autorità sta tuttora vagliando le possibili cause, come virus, batteri, funghi o parassiti.

In totale, le segnalazioni riguarderebbero 40 cani. Di questi, sei avrebbero mostrato sintomi nel giro di poche ore, senza nessun segnale premonitore, e due avrebbero perso la vita in brevissimo tempo.

Così come annunciato dalla stessa Norwegian Food and Safety Authority, le indagini autoptiche sul corpo dei quadrupedi deceduti si sono rivelate non conclusive, quindi la malattia rimane ancora largamente un mistero. I proprietari, sebbene non vi siano precise indicazioni in merito, stanno spontaneamente decidendo di non frequentare luoghi pubblici e affollati in compagnia dei loro animali domestici, per il timore di un contagio. I parchi, come sottolineato in apertura, risultano oggi pressoché deserti. In ogni caso, è importante sottolineare come la sgambata quotidiana sia essenziale per l’amico quadrupede, perché lo stress potrebbe indebolirne le difese immunitarie.

Fonte: Bloomberg

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!