• GreenStyle
  • Pets
  • Cani a passeggio, in aumento i traumi per gli anziani: i consigli

Cani a passeggio, in aumento i traumi per gli anziani: i consigli

Cani a passeggio, in aumento i traumi per gli anziani: i consigli

Fonte immagine: Pixabay

In aumento i trami ortopedici dovuti alla passeggiata con il cane, soprattutto per gli anziani: ecco i consigli per minimizzare i rischi.

La compagnia di un cane, così come dimostrato da diversi studi condotto nel corso degli ultimi anni, è certamente utile alle persone anziane: le necessità del quadrupede spingono infatti a un maggiore movimento, allontanando così i rischi tipici della sedentarietà in questa fase delicata della vita. Una nuova ricerca, però, testimonia come negli ultimi tempi siano in aumento i traumi derivanti dalle passeggiate in compagnia dell’animale domestico, soprattutto fra donne e anziani.

Secondo quanto rilevato dai ricercatori del dipartimento dell’Università della Pennsylvania, in uno studio pubblicato su JAMA Surgery, vi sarebbe un aumento dei casi di traumi ortopedici nelle donne e nelle persone sopra ai 65 anni anni, derivanti dalla classica passeggiata con il cane. Negli Stati Uniti i numeri sono particolarmente rilevanti: dai 1.700 del 2004 ai 4.000 del 2017. Fra tutti coloro che hanno subito un trauma a seguito di un’attività con il cane, l’80% è rappresentato da donne: questo perché, come spiegato dai ricercatori, dopo la menopausa la densità delle ossa femminili tende a diminuire sensibilmente. Ancora, l’incidente più frequente è quello della frattura di anca e femore, seguito da rottura del polso e del braccio.

Parte di questo aumento, come facile intuire, è dovuto dal una sempre maggiore presenza dei cani nelle case degli anziani, considerando come l’accudimento – in presenza di sufficiente capacità di movimento e lucidità psicologica – sia consigliato dagli stessi medici dati gli innegabili benefici.

In ogni caso, gli esperti consigliano di seguire delle piccole norme di sicurezza, per ridurre la probabilità di imbattersi in spiacevoli conseguenze. Innanzitutto, è necessario indossare calzature comode quando si esce sul cane, preferendo scarpe da tennis o sneaker che garantiscano il massimo dell’aderenza al terreno. Ancora, può essere utile ricorrere alla pettorina anziché al classico guinzaglio, poiché il cane potrebbe risultare meno incline a strattonare non avvertendo una costrizione al collo, il tutto adoperando guinzagli di una lunghezza adeguata. È quindi bene scegliere nella terza età cani dalla stazza non troppo grande e dall’indole pacifica, più facili da gestire e meno energici. In ogni caso, se l’animale non dovesse rispondere ai comandi o dovesse strattonare in modo irrimediabile quando legato al guinzaglio, può essere utile interpellare un comportamentista.

Fonte: Today

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!