Cani e malattie ereditarie: le 6 più diffuse

Cani e malattie ereditarie: le 6 più diffuse

Fonte immagine: Pexels

I cani di razza spesso sono soggetti a svariate malattie genetiche e di tipo ereditario, che incidono in modo preponderante sul loro benessere quotidiano.

I cani di razza o gli esemplari nati da incroci specifici sono maggiormente predisposti verso alcune patologie genetiche di tipo ereditario. Una tendenza che, se analizzata e osservata con attenzione, potrebbe aiutare il proprietario durante la fase preventiva. Un modo per tamponare la problematica e le relative complicazioni mediche, assicurando così al cane una qualità della vita molto alta. Vediamo insieme quelle maggiormente più diffuse e significative.

Epilessia

L’epilessia è una condizione difficilmente diagnosticabile la cui causa è ancora del tutto sconosciuta. Spesso appare attraverso una serie di convulsioni di differente intensità, che tengono in scacco l’animale per un tempo variabile e in base alla situazione. Il proprietario si accorge della malattia solo in un secondo momento perché non sempre le convulsioni e le crisi appaiono con frequenza, ma possono palesarsi anche sporadicamente. Davanti a una convulsione anomala, non causata da un colpo di calore, da alcuni farmaci o da altri fattori, è bene condurre Fido dal veterinario per una visita. Tra le razze più colpite: Beagle, Bassotti, Labrador, Golden Retriever e Pastore tedesco.

Displasia all’anca

Cane

La displasia all’anca colpisce la testa del femore e il bacino del cane: la collaborazione tra i due decade, si crea attrito e un consumo errato della cartilagine. In questo caso, l’animale mostra un’andatura che tende a peggiorare gradualmente, più instabile, con gli arti posteriori più ripiegati e poco saldi. Il cane fatica ad alzarsi e sedersi, sviluppa dolore e forte difficoltà nella deambulazione. Anche in questo caso i più colpiti sono il Pastore Tedesco seguito da Labrador, San Bernardo, Danese, Rottweiler e Bulldog.

Calcoli vescicali

Dalmata, Terranova, Bichon Fris, Schnauzer e molte altre razze possono sviluppare i calcoli vescicali, ovvero una serie di cristalli e detriti che sedimentano intaccando il benessere della vescica. La minzione appare dolorosa e faticosa, spesso con tracce di sangue, per questo il veterinario potrà consigliare la cura migliore abbinata a una dieta corretta per prevenirne la ricomparsa.

Problemi cardiaci

Cane

I problemi cardiaci possono colpire qualsiasi cane ma spesso condizionano l’esistenza dei Cavalier King Charles Spaniel, Bassotti, Dobermann, Danesi, Alani, Boxer e Bulldog. I segni più comuni sono la tosse seguita da inappetenza, debolezza, collasso, respirazione difficoltosa, addome disteso, svenimento e anche morte improvvisa. È una patologia complessa e mortale per questo è importante seguire i consigli del medico, così da curare e migliorare l’esistenza del quadrupede di casa.

Sindrome brachicefalica

Questa sindrome colpisce i cani con il muso particolarmente schiacciato e testa corta, come Bulldog inglese e francese, Boston Terrier, Carlino, Pechinese, Shih Tzu e Cavalier King Charles Spaniel. La particolare conformazione del muso rende la respirazione difficoltosa e affannosa, carica di sbuffi e russate rumorose. La chirurgia ha fatto grandi passi in merito alla problematica e per questo molti di questi cani possono trovare soluzione grazie a un piccolo intervento.

Mielopatia degenerativa

Patologia invalidante, la mielopatia degenerativa è una problematica neurologica che intacca il benessere della guaina che riveste le terminazioni nervose, bloccando con il tempo la comunicazione tra il midollo e la parte inferiore del corpo. Colpisce spesso in tarda età e coinvolge alcune razze specifiche come l’American Water Spaniel, Bovaro del Bernese, Boxer, Corgi, Carlino: l’animale appare debole e tende a trascinare la parte posteriore fino alla paralisi. Spesso subentra l’incontinenza e l’incapacità a gestire le funzioni fisiologiche primarie.

Seguici anche sui canali social