Cani: il gioco rallenta l’invecchiamento

Cani: il gioco rallenta l’invecchiamento

Fonte immagine: Pixabay

Il gioco rallenta l'invecchiamento dei cani, mantenendo il loro cervello sempre giovane: è quanto dimostra uno studio condotto in Austria.

Giocare con il cane non è solo un modo per mantenere l’amico a quattro zampe in forma, ma anche una strategia idonea per rallentarne i processi d’invecchiamento. È quanto emerge da uno studio condotto in Austria, pronto a dimostrare come i continui stimoli siano fondamentali per mantenere giovane il cervello del quadrupede.

Si tratti di una corsa con il proprietario, l’uso di palline colorate o pupazzi, tutti i giochi che permettono di stimolare l’attenzione dell’animale sono benvenuti per il suo benessere mentale, poiché mantengono il cervello giovane e sempre in forma. È quanto rivelano le ricerche condotte presso l’istituto Messerli dell’Università di Medicina Veterinaria di Vienna, così come riporta Askanews.

I ricercatori hanno sottoposto alcuni cani a un breve ma efficace addestramento: per ricevere dei piccoli premi alimentari, come delle gustose crocchette, i quadrupedi devono sfiorare con il muso un pannello touchscreen, dove sono riportate due forme diverse: un quadrato e un cerchio. Solo il cerchio attiva il distributore di cibo, quindi è richiesto un certo impegno a livello d’attenzione e competenze cognitive da parte dell’animale. In altri test, sempre con schermi touchscreen, ai quadrupedi è stato insegnato a distinguere tra volti felici e tristi, sempre ricevendo una ricompensa alimentare come premio. È così emerso come l’esercizio fisico costante, il movimento e le attività mentalmente stimolati permettano all’animale di godere di una maggiore forma, nonché di invecchiare più lentamente, anche sopportando in modo migliore gli attacchi tipici dell’ultima parte dell’esistenza.

Così ha spiegato Ludwig Huber, ricercatore a capo degli studi, presso il laboratorio universitario ribattezzato “Cane Intelligente”:

L’invecchiamento del cane non ha solo effetto sul loro fisico e sulle capacità motorie, influisce anche sulla loro mente e sul modo di pensare. Non è che peggiorino così all’improvviso, se vengono sottoposti a un certo esercizio mentale, se vengono stimolati, possiamo migliorarne la qualità della vita e stiamo vedendo che questo approccio li aiuta davvero a essere più svegli, attenti e di mentalità aperta.

Seguici anche sui canali social