Cani e gatti: i trend per il 2020

Cani e gatti: i trend per il 2020

Fonte immagine: Unsplash

Dalla maggiore attenzione alla dieta all'invasione di TikTok: ecco quali sono i trend del 2020 attesi per gli amici a quattro zampe, come cani e gatti.

Cani e gatti potrebbero essere i protagonisti del 2020 da poco iniziato. Considerati ormai da tempo come membri a tutti gli effetti delle famiglie, i proprietari sono sempre più disposti a investire per il loro benessere, tra accessori innovativi e lussuose spese per il loro benessere. Non stupisce, di conseguenza, che il fenomeno degli animali domestici si sia trasformato anche in un mercato di successo, con delle tendenze che vanno ad affermarsi di anno in anno. Quali sono, di conseguenza, i trend più attesi per il 2020?

Peso forma e alimentazione

Cane e cibo

Non è di certo un segreto: nel corso dell’ultimo decennio, diverse ricerche hanno dimostrato come cani e gatti occidentali siano sempre più soggetti a problematiche di peso. Frequentemente i proprietari optano per una dieta troppo abbondante, forse impietositi dalle continue richieste dell’amico a quattro zampe, ma questo comportamento può portare a gravi problematiche di salute. Dal diabete ai problemi renali, dalle difficoltà di deambulazione ai disturbi respiratori, l’obesità è ormai tra le principali cause della cattiva salute di Fido e Fufi.

Il 2020 potrebbe però segnare una svolta, grazie anche al continuo impegno di sensibilizzazione da parte dei veterinari. Dopo anni di abbuffate e pasti poco equilibrati, vi sarà il ritorno a una dieta più sana, misurata, che risponda alle necessità nutritive dell’animale, senza però contribuire al suo aumento di peso. Sul fronte dell’alimentazione, ad esempio, prevarranno ingredienti naturali e certificati, con anche un ritorno alla produzione casalinga dei pasti, purché su supervisione veterinaria. Ad esempio, potrebbe tornare a essere prevalente la componente proteica di origine animale del pasto, evitando invece l’eccesso di carboidrati o di cereali, questi ultimi non dannosi ma spesso presenti in dosi troppo elevate nei mangimi di origine commerciale. Gli esperti, nel frattempo, prevedono un lieve calo nella dieta raw: dopo anni di stabile crescita, diversi proprietari potrebbero rinunciarvi, come conseguenza di alcuni casi di contaminazione della carne – tra cui uno molto grave nel Regno Unito – avvenuti nel corso del 2019.

A spasso con il gatto

Gatto al guinzaglio

L’accudimento esclusivamente domestico del gatto è ormai una realtà ben consolidata. Sia per necessità di vita – ad esempio per chi risiede in città, quindi impossibilitato a lasciare il quadrupede libero di girovagare nel proprio quartiere – che per ragioni più importanti. Fra queste, la necessità di proteggere l’amico da rischi come quello della FIV e della FeLV, ma anche un impegno per preservare la piccola fauna locale: i gatti sono infatti fra i principali responsabili della riduzione di intere popolazioni di roditori, uccelli e piccoli mammiferi.

Nonostante la credenza popolare voglia il gatto libero di gironzolare all’aperto in piena libertà, in realtà un accudimento unicamente domestico non è visto negativamente dagli esperti, i quali sottolineano come i piccoli felini siano territoriali e amino trascorrere gran parte del loro tempo in casa. Per chi non avesse a disposizione un balcone protetto o una terrazza, per permettere al gatto di respirare aria fresca o di rilassarsi sotto il sole, una soluzione potrebbe essere quella della passeggiata al guinzaglio. Sono moltissimi i mici che tollerano alla perfezione pettorine e simili – anche se molto dipende dalla predisposizione e dal carattere dell’animale – e nel corso del 2020 si incontreranno con maggiore frequenza proprietari al parco in compagnia di Fufi, anziché del più classico Fido. Prima di optare per questa alternativa, però, è bene chiedere un parere al proprio veterinario di fiducia.

Boom della pet economy

Cane in negozio

Nel corso del 2020 la pet economy – ovvero il mercato di tutto ciò che ruota attorno alla cura degli animali domestici – subirà probabilmente una nuova impennata. Dopo anni in perenne crescita, e l’assenza di qualsiasi forma di crisi, potrebbero nascere in ogni città servizi sempre più a misura di quattro zampe.

Dagli accessori per il grooming al cibo gourmet, passando per le pensioni e le toelettature con tanto di massaggio rilassante, i proprietari investiranno più che volentieri per assecondare ogni necessità del loro compagno a quattro zampe. Basti pensare che, come rivelato dall’ultimo report Assalco Zoomark, nel corso del 2018 gli italiani hanno speso 2,082 milioni di euro solo per l’alimentazione del cane e del gatto. Il settore è molto florido e sta anche portando alla creazione di migliaia di posti di lavoro e, entro i prossimi cinque anni, potrebbe raggiungere in diffusione quello del turismo.

Da Instagram a TikTok

Cane e selfie

Anche nel 2020 cani e gatti saranno protagonisti dei social network e delle piattaforme online più generali. Basti pensare, ad esempio, come da una recente stima il 15% di tutti i video presenti online riguarda proprio Fido o Fufi.

Nel corso del nuovo anno la piattaforma d’elezione rimarrà Instagram, ma per i contenuti più originali bisognerà guardare altrove, ad esempio su TikTok. Il social asiatico, basato sulla condivisione di brevi e ironici video, potrebbe essere invaso da simpatii mici e cagnolini, così come già accaduto in passato per Facebook e Twitter.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!