• GreenStyle
  • Pets
  • Cani e gatti dei clochard ammessi ai dormitori di Milano

Cani e gatti dei clochard ammessi ai dormitori di Milano

Cani e gatti dei clochard ammessi ai dormitori di Milano

Il Comune di Milano apre i dormitori ai cani dei clochard, per la prima volta gli amici a quattro zampe troveranno riparo dal freddo invernale.

Milano apre le porte dei dormitori pubblici ai clochard e ai loro amici a quattro zampe. Per la prima volta la giunta milanese si dimostra sensibile nei confronti dei piccoli quadrupedi, spesso al fianco di chi non possiede più una casa. Un segno importante che apre le danze nei confronti di una rinnovata accoglienza e una maggiore sensibilità.

È un’esperienza interessante che segue l’input iniziato l’anno precedente dal Comune di Milano, con un sempre presente interesse e maggiore aiuto nei confronti dei senza tetto. Dopo il gelido inverno 2011 e una collaborazione fitta tra giunta e cittadini, in favore dei senza tetto. Per questo inizio stagione, con la prima neve, il Sindaco Giuliano Pisapia ha deciso di aprire le porte dei dormitori anche ai cani.

Molti i clochard per strada che vivono una vita difficile, alleviata solo dalla presenza di un amico a quattro zampe. E spesso molti di loro si sono visti costretti a rifiutare un letto nei dormitori comunali, perché vietati ai loro cani. Ma finalmente ora potranno trovare rifugio insieme per la notte. L’iniziativa ha visto in prima linea anche Bologna, con cucce apposite per i cani dei senza fissa dimora.

Il progetto, ribattezzata Piano freddo, sarà in vigore fino al 31 marzo. Vedrà la collaborazione del Comune, dei dormitori pubblici sparsi per la città, associazioni di volontari e cittadini e dell’assessorato alle Politiche Sociali pronto a stilare un regolamento speciale per tutte le strutture che accoglieranno i senzatetto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!