Cani: come proteggere le zampe in inverno

Cani: come proteggere le zampe in inverno

Neve, gelo, sale e antigelo: ecco i pericoli invernali per il cane di affezione, problematica presente durante le passeggiate e sgambate giornaliere.

Con l’arrivo dell’inverno le temperature si abbassano: a creare disagio non ci sono solo pioggia e ghiaccio, ma anche la possibilità di copiose nevicate. Soffice e morbida, la neve è l’ideale per consentire al cane di rotolarsi e giocare, ma può influire negativamente sulle zampe. I cuscinetti presenti sotto le zampe svolgono un ruolo protettivo molto importante, ma possono ben poco contro il sale sparso per sciogliere la neve, quindi l’antigelo che può rivelarsi tossico. Il ghiaccio può causare anche lesioni, abrasioni e ferite che vanno subito trattate, ma per evitare queste problematiche è bene mettere in pratica qualche accortezza.

Controllo zampe

Prima di ogni passeggiata è importante controllare le zampe del cane e il loro stato di salute, se presentano ferite, tagli o rigonfiamenti innaturali. Perché il passo sia saldo, è giusto curare le estremità con prodotti adatti, meglio se consigliati dal veterinario di fiducia. Disinfettanti e creme da spalmare con cura e fasciare fino al completo assorbimento. Meglio evitare il fai da te e lasciare Fido da solo dopo aver ripulito la parte, per non ritrovarlo intento a degustare la crema appena spalmata.

Pulizia

Cani e neve

Come anticipato, il cane potrebbe imbattersi nella presenza di ghiaccio, sale e antigelo versato per strada per sciogliere la neve più resistente. Camminandovi sopra l’amico potrebbe recuperare queste sostanze tossiche e ingerirle inavvertitamente, dopo essersi leccato le zampe. Sono prodotti che possono bruciare la cute, in particolare se ferita, per questo è meglio pulire la parte con acqua calda e detergenti idonei una volta rientrati in casa. Asciugando le estremità con cura, in modo da eliminare residui e ghiaccio. L’ingestione di queste sostanze può causare nausea, vomito e anche intossicazione.

Percorsi

Perché la salute del cane rimanga intatta è meglio evitare le zone con eccessiva presenza di ghiaccio, sale e magari sostanze tossiche. Meglio prediligere spazi puliti, percorsi alternativi, aree non trattate, magari non ricoperti dalla neve candida e al contempo pericolosa, perché in grado di nascondere sassi appuntiti, vetri e pericoli vari.

Congelamento

Cane e neve

Un’esposizione prolungata al freddo può favorire il congelamento delle zampe, ma anche delle estremità come orecchie, coda e naso. Meglio scegliere orari più caldi per la passeggiata, oppure ridurre al minimo le uscite solo per le esigenze fisiologiche, avendo cura di coprire il cane con maglioncini o cappottini. Il congelamento impedisce il perfetto movimento delle estremità, ma può anche ustionare la cute e decolorarla.

Protezioni

In commercio sono presenti scarpine e stivaletti di gomma per cani, una sorta di calzina comoda utile a proteggere le zampe durante i periodi più freddi. Prima di portarlo a passeggio è importante che familiarizzi con questi accessori, quindi fatelo camminare in casa per farlo abituare. Non tutti i cani possono reggere le temperature più basse e nessuno deve dormire fuori al freddo: sono fattori importanti per la salute del quadrupede di affezione.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!