• GreenStyle
  • Pets
  • Cane positivo al coronavirus, ma pare non sia veicolo di contagio

Cane positivo al coronavirus, ma pare non sia veicolo di contagio

Cane positivo al coronavirus, ma pare non sia veicolo di contagio

Fonte immagine: Pixabay

Un cane di Hong Kong sarebbe risultato debolmente positivo al coronavirus, ma pare non sia contagioso: si tratta di contaminazione ambientale.

Un cane è stato rinvenuto positivo al coronavirus 2019-nCoV ma, secondo il parere degli esperti, non rappresenterebbe un veicolo di contagio. È quanto è accaduto a Hong Kong, dove il quadrupede di una persona affetta da COVID-19 presenta una “bassa positività” al virus. Nonostante le autorità locali stiano ancora studiando il caso, l’ipotesi più probabile è che si tratti di una contaminazione unicamente di tipo ambientale: l’animale sta bene e, come da indicazioni già confermate nelle scorse settimane, non è potenzialmente in grado di trasmettere il virus.

Il cane, a quanto pare un cucciolo di Pomerania, potrebbe essere entrato in contatto con il virus data l’interazione con la sua proprietaria, in isolamento domestico per aver contratto il coronavirus 2019-nCoV. Nel corso di un controllo presso l’abitazione della donna, gli esperti sanitari hanno prelevato dei campioni di secrezioni dal naso e dalla bocca dell’animale, risultato poi “debolmente positivo”.

L’animale non presenta alcun sintomo, così come specifica il New York Post, ma è stato sottoposto a quarantena poiché così previsto dalla normativa locale. Il cucciolo sarà riconsegnato alla famiglia non appena i suoi test torneranno a essere negativi. Queste ultime hanno immediatamente diramato una nota, per rassicurare tutti i proprietari di animali domestici:

Al momento non ci sono evidenze del fatto che gli animali domestici possano essere infettati con il virus COVID-19 o, ancora, che possano essere un veicolo di contagio per le persone.

Così come già accennato, si sospetta che il cane sia entrato in contatto con il virus per “contaminazione ambientale”, ovvero trascorrendo del tempo con la sua proprietaria e annusando o leccando le superfici contaminate dal virus. In attesa di conferme, potrebbe essere semplicemente questa la ragione della presenza del coronavirus sulle sue mucose orali o nasali.

Fonte: New York Post

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit: esercizi da fare in casa (lezione 1)