Cane in estate: alimentazione più adatta

Cane in estate: alimentazione più adatta

Fonte immagine: Pixabay

Anche l'alimentazione del cane cambia durante l'estate: il quadrupede richiede cibi maggiormente idratanti, poco calorici ma sempre nutrienti.

Con il caldo alle porte, anche le necessità alimentari del cane possono cambiare, virando verso scelte più leggere e magari rinfrescanti. Un comportamento molto simile a quello umano, che può anche contemplate un calo di interesse nei confronti del cibo stesso, con meno desiderio di mangiare e nutrirsi. Variare il menu è importante così da favorire una buona nutrizione e stimolare l’appetito del quadrupede, anche quando il caldo risulta eccessivo e fastidioso.

Quantità e apporto proteico

Con l’arrivo dell’estate e del caldo viene meno la voglia di correre, sgambare e affaticarsi, per questo il quadrupede dovrà contare su un minor apporto proteico con porzioni più piccole, così da evitare un aumento di peso. Meglio prediligere prodotti di altissima qualità e maggiormente digeribili consultando il veterinario di fiducia, che potrà consigliare il giusto mix e gli alimenti più adatti a soddisfare il fabbisogno giornaliero.

Frutta e verdura

Cane frutta

Frutta e verdura non dovranno mancare all’interno dei pasti quotidiani, un vero toccasana per la salute del cane grazie all’alta presenza di acqua e fibre. La scelta deve ricadere su prodotti adatti alla digestione canina e altamente digeribili, da fornire sia in versione cotta che cruda. Anche in questo caso è bene consultare il veterinario così da garantire pasti equilibrati, salutari e bilanciati.

Frequenza

Durante il periodo estivo è consigliabile spezzare il pasto in più porzioni da fornire in più tempi, così da non affaticare stomaco e digestione ma coprendo le necessità nutrizionali del quadrupede. Pranzo e cena si possono suddividere in quattro o cinque razioni da offrire con cadenza precisa.

Idratazione

Cane e acqua

Immancabile la ciotola d’acqua fresca da rinnovare con frequenza per un’idratazione sempre presente e salutare: meglio fornire acqua a temperatura ambiente non fredda, così da non agevolare congestioni e problematiche intestinali. L’idratazione di Fido è importante specialmente dopo una sgambata all’aria aperta oppure se il caldo diventa insostenibile, una soluzione importante per favorire il controllo della temperatura interna agevolando il rilascio del calore in eccesso.

Mangiare e riposare al fresco

Il cane dovrà poter contare sulla presenza di aree riparate e fresche dove riposarsi, rinfrescarsi e anche mangiare. In caso di uscite e scampagnate, o giornate al mare, è meglio attrezzarsi con ombrelloni e tende dove possa riparasi evitando le ore più calde. Fido dovrà poter accedere all’acqua fresca ma anche alla possibilità di rinfrescarsi con un tuffo in mare o nel laghetto di zona, sempre sotto il vigile controllo del proprietario. Mentre in assenza di aree acquatiche sarà lo stesso umano ad aiutarlo, magari tamponandolo con un panno imbevuto di acqua fresca così da bagnare pelo e cute.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!