Cane di quartiere picchiato crudelmente ad Alghero

Cane di quartiere picchiato crudelmente ad Alghero

Runner, un simpatico esemplare di Pastore Tedesco, è stato vittima della crudeltà umana: gli autori del gesto hanno approfittato della sua indole fiduciosa

Ogni città ne è piena, in ogni quartiere ne esiste una presenza massiccia. Sono i cani di quartiere, quei randagi di ogni razza e incrocio che colorano gli spazi cittadini. Sono liberi ma seguiti dalla zona di appartenenza, tanto che la maggior parte di loro è stanziale. Se durante il giorno amano gironzolare per la città, in cerca di nuove avventure, la sera o per i pasti ritornano presso il quartiere dove vivono.

I cittadini della zona si tassano simbolicamente per garantirgli un giaciglio, una cuccia magari posta nel giardino condominiale di un palazzo, oppure per sterilizzare le femmine, quindi vaccinare e chippare ognuno di loro. Ma principalmente fornirgli cibo, acqua e tanto amore. Una realtà non così anomala ma piuttosto segno di civiltà, che ha caratterizzato la vita di Runner un bellissimo esemplare di Pastore Tedesco residente ad Alghero.

Il cane è il classico esemplare di “razza da quartiere” ovvero, come anticipato, libero di scorrazzare per la città e per le spiagge della zona. Conosciuto da tutti ama crogiolarsi al sole, ospite di qualche lido, consapevole che qualcuno si prenderà cura di lui. Ma c’è chi al contrario dimostra insofferenza e intolleranza nei confronti di questi spiriti liberi, e l’unico modo per affrontarli è l’arroganza della violenza.

Il simpatico cagnone è la mascotte degli impianti della zona marittima della pineta di Alghero. L’unica sua sfortuna è stata quella di imbattersi in gente violenta che ha abusato della sua fiducia, picchiandolo in modo selvaggio e crudele. Nonostante non ci siano testimoni, e non sia chiaro il motivo di tanta cattiveria, sono state avviate le indagini per individuare eventuali responsabili.

Le percosse inflitte al povero cane sono state così feroci che si è temuto per la sua vita, per fortuna molti cittadini sono accorsi in suo auto. Runner è stato condotto dal veterinario per le prime cure che, siamo certi, non mancheranno anche nel post degenza. I maltrattamenti agli animali sono punibili ai sensi dell’art. 544-ter del Codice Penale, si rischia fino ad un anno di carcere.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!