Cane denutrito salvato dopo quattro anni di catena

Cane denutrito salvato dopo quattro anni di catena

Il Pastore Tedesco Joseph ha vissuto per 4 anni a catena senza acqua e pochissimo cibo tanto che, al suo ritrovamento, era scheletrico.

Quattro anni a catena legata stretta intorno a un albero, questa la triste vita che ha condotto un cane trovato ormai al limite di sopravvivenza e senza più forze. Joseph, questo il suo nome, ha trascorso questi lunghi anni senza cure né amore, giusto il minimo indispensabile per non morire di stenti. Ma la sua condizione di sofferenza e disagio non è passata inosservata e una segnalazione anonima ha condotto la Polizia presso la sua abitazione a Middletown, nell’Ohio.

L’animale è stato subito recuperato e dopo una visita accurata è risultato disidratato, scheletrico, pieno di pulci e zecche, la sua pelle segnata da terribili infezioni e piena di vermi. Una condizione drammatica alla quale il cane era costretto dal suo proprietario, Jeremy Temple, che alle domande della Polizia ha ribattuto con un freddo e crudele:

il cane non è umano.

Il Pastore Tedesco è stato subito condotto presso il West Chester Veterinary Center e preso in carico dall’associazione PAWS Adoption Center, con sede a Middletown. L’ex proprietario invece è stato portato in carcere con l’accusa di crudeltà su animale da compagnia, condizioni inappropriate a catena e detenzione di animale senza licenza. Rilasciato grazie a una cauzione di soli 25 dollari, dovrà ripresentarsi in tribunale il 14 ottobre per la pre-udienza.

Kassie Jadin, della PAWS Adoption Center, ha dichiarato:

Joseph è completamente scheletrico, ha diversi problemi di salute e ora il suo recupero si presenta come un percorso molto difficile e oneroso. Probabilmente ha vissuto mesi senza cibo e acqua, nutrendosi solo con le mele marce cadute dall’albero a cui era legato. Per la sua salvezza confidiamo nelle donazioni, e nella speranza di una futura adozione. Sperando che la pena per l’ex proprietario non si limiti ai soli 25 dollari della cauzione.

Su Facebook è stata aperta una pagina in suo onore, necessaria a monitorare gli sviluppi della vicenda e i suoi miglioramenti. Nella stessa abitazione è stato trovato un altro cagnolino, ma le sue condizioni non hanno destato preoccupazione.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!