Cane: cosa fare se tira al guinzaglio

Cane: cosa fare se tira al guinzaglio

Fonte immagine: Pexels

Impedire che il cane tiri al guinzaglio è molto importante: per renderlo più indipendente è importante educarlo adeguatamente e con i metodi giusti.

Impedire che il cane tiri mentre è al guinzaglio è l’obiettivo di tutti i proprietari, un desiderio che implica un comportamento educato e una buona coordinazione. Non è un atteggiamento immediato, ci vuole pazienza e costanza, in particolare se Fido è un cucciolo oppure è un nuovo membro della famiglia. Per comprendere le sue necessità bisognerebbe mettersi nei suoi panni: assimilare il concetto di dover passeggiare indossando un elemento costrittivo anche se comodo. Una sorta di imbracatura che impedisce ogni slancio personale e di libertà, in particolare se intorno sono presenti oggetti, animali e odori da conoscere. Tirare al guinzaglio rendere l’amico sofferente e frustrato, come l’atto di punirlo e sgridarlo che sicuramente non comprenderà. Educarlo nel modo giusto è la soluzione per aiutarlo ad accettare lo strumento, assimilando anche l’andatura migliore e la corretta indipendenza.

Attrezzatura

Per addestrare il cane all’utilizzo del guinzaglio, e alla giusta sgambata, è importante recuperare l’attrezzatura giusta. A partire dall’imbracatura e dal guinzaglio stesso, meglio se in versione pettorina, sicuramente più comodo e meno lesivo per il collo e la gola del quadrupede. Se il cane è adeguatamente addestrato si può educare con il supporto del clicker, un oggetto in grado di emettere un suono particolare utile ad attirare l’attenzione di Fido così da svolgere il comando. Senza dimenticare crocchette e biscotti da consegnare come premio.

Spazio

Cani

L’addestramento può avvenire anche dentro le mura di casa, magari in uno spazio piccolo come il bagno o il corridoio, da percorrere con Fido ovviamente al guinzaglio. Il movimento deve avvenire in silenzio, tenendo il guinzaglio per la maniglia senza accorciarne la lunghezza. Questo aiuterà il cane a comprendere il suo raggio d’azione, ovvero la lunghezza del guinzaglio stesso, camminandogli accanto.

Ricompensa

Fido dovrà camminare accanto alla gamba del proprietario e fermarsi quando il primo lo farà, senza accorciare il guinzaglio e senza tirare. Basterà utilizzare clicker e crocchette per incentivare l’apprendimento. Ogni volta che il proprietario si fermerà premerà il clicker e il cane, se si sarà fermato a suo volta, riceverà il premio dalla stessa mano che tiene il guinzaglio in modo da impedire movimenti ulteriori. Il procedimento va ripetuto così da agevolarne la memorizzazione: ogni passo in avanti e relativo stop e guinzaglio allentato verranno sottolineati dal suono del clicker, aumentando gradualmente la distanza. Se il cane eseguirà correttamente il tutto riceverà in cambio il tanto agognato premio.

Spazio esterno

Cani al parco

L’allenamento può continuare anche in giardino e poi in passeggiata, sicuramente luoghi più accattivanti e pieni di distrazioni. Sempre con il clicker alla mano e con i biscotti premio si prosegue avanzando e fermando il movimento, ma se Fido tira il guinzaglio è importante girare le spalle e tornare verso casa. Un procedimento da ripetere ogni volta che sarà necessario, fino a quando verrà memorizzato completamente il suono del clicker come comando senza più l’utilizzo del premio. È una pratica che richiede costanza e molta pazienza, ma alla lunga premierà la tenacia dimostrata.

Seguici anche sui canali social