Candida nell’uomo: sintomi e rimedi naturali

Candida nell’uomo: sintomi e rimedi naturali

Candida dell'uomo: sintomi e rimedi naturali per curare la micosi nell'apparato genitale maschile.

Si parla spesso della candidosi, la fastidiosa irritazione dovuta all’infezione fungina della Candida albicans e molto frequente fra le donne. E proprio perché il gentil sesso è il più colpito, si è portati a credere che l’uomo ne sia esente. Si tratta di una credenza però erronea, perché la micosi può colpire anche gli organi riproduttivi maschili, così come anche altre parti del corpo. Esistono dei rimedi naturali per agevolarne la guarigione?

Così come per qualsiasi altra patologia, prima di intraprendere un percorso di cura naturale è bene chiedere il parere del proprio medico specialista di fiducia. Questo perché, in caso di infezioni spesso recidivanti come la candidosi, i semplici metodi verdi potrebbero non bastare: vanno abbinati a specifici trattamenti farmacologici. Di seguito, alcuni consigli per la candida a livello dell’apparato riproduttivo, diversa dalla candida orale già trattata in un precedente intervento:

Sintomi della candida maschile

La candidosi genitale nell’uomo si manifesta con dei sintomi del tutto simili a quelli della compagine femminile. I genitali, in particolare l’area del glande, possono presentare delle aree arrossate e dolenti, spesso sfociate in balanite o balanopostite: vi sarà la presenza di piccoli rigonfiamenti e di pustole di colore biancastro, altamente pruriginose. Nei casi più gravi, quindi quando vi è un coinvolgimento della parte più esterna dell’uretra, si potrebbero manifestare anche bruciore e difficoltà nella minzione.

Trasmissione della Candida nell’Uomo

Il contagio avviene solitamente per via sessuale, ma non è raro che la candidosi si manifesti sulle mucose anche per altri motivi del tutto indipendenti, come il calo delle difese immunitarie dopo una lunga cura antibiotica, lo stress, lo scarso igiene, il sudore o l’utilizzo di intimo in tessuto non sufficientemente traspirante. Il decorso è solitamente positivo, ma va seguita un’adeguata terapia per evitare il rischio l’infezione si ripeta nel tempo.

Rimedi naturali per combattere la candida maschile

Aloe
Drops Of Water On Leaf Of Aloe via Shutterstock

Accanto alla cura farmacologica, molto spesso limitata a livello topico e nei casi più resistenti anche con antimicotici per via orale, si può approfittare di consigli di buon senso e di rimedi naturali per agevolare la guarigione. Di seguito, una lista dei più comuni:

  • Igiene: mantenere una buona igiene dell’area genitale è di fondamentale importanza non solo per ridurre il rischio che la candidosi si manifesti, ma anche per evitare che un’infezione già in atto peggiori. Nel farlo, si eviti il ricorso a detergenti aggressivi o che alterano il naturale PH della pelle, preferendo invece saponi dolci e idranti come quello di Marsiglia;
  • Intimo: con la micosi in atto, è sconsigliato altamente il ricorso a intimo in tessuto sintetico o comunque poco traspirante, perché l’aumento del sudore a livello inguinale può favorire il proliferare della candida. Si prediliga il cotone, meglio se bianco sia per monitorare eventuali secrezioni che per agevolarne la sterilizzazione con il lavaggio a caldo, e non si ricorra a slip troppo stretti;
  • Alimentazione: la candidosi è spesso la manifestazione di sistema immunitario dalle ridotte forze, quindi la terapia passa anche per la dieta. Si inserisca nella propria routine alimentare il consumo di yogurt, perché fondamentale per ripristinare correttamente la flora intestinale. Questo soprattutto per evitare le co-infezioni, data la vicinanza dell’area affetta. Anche l’assunzione di aglio coi pasti è consigliata, data l’elevata capacità antibatterica e antimicotica, a cui deve aggiungersi il consumo di almeno 2,5 litri di acqua al giorno, sia per ripristinare la normale idratazione della pelle che per favorire l’eliminazione delle sostanze nocive;
  • Sessualità: è abbastanza difficile che con una candidosi in corso ci si lanci in piacevoli attività in camera da letto, ma in tal caso ci si ricordi le dovute precauzioni, sia per non peggiorare la micosi che per evitare di infettare la propria dolce metà. Qualora la coppia abbia avuto rapporti prima del manifestarsi della candidosi, è utile che le terapie vengano seguite da entrambi.
  • Aloe: il gel all’aloe, disponibile in farmacia e in erboristeria, è perfetto per ridurre la sensazione di prurito, ma anche per combattere il fungo data le peculiarità antifungine;
  • Camomilla e calendula: per alleviare rossore e sensazione di bruciore, si può far ricorso a una crema a base di camomilla e calendula, oppure a dei brevi impacchi a temperatura ambiente. La camomilla ha proprietà sfiammanti e lenenti, mentre la calendula è nota per il suo lieve effetto antistaminico, utilissimo proprio per gestire prurito e ponfi.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social