• GreenStyle
  • Pets
  • Cammelli per i turisti vietati a Giza: si useranno auto elettriche

Cammelli per i turisti vietati a Giza: si useranno auto elettriche

Cammelli per i turisti vietati a Giza: si useranno auto elettriche

Fonte immagine: Pixabay

Niente più cammelli per il trasporto dei turisti alle piramidi di Giza: il divieto presto entrerà in vigore in tutto l'Egitto.

Niente più cammelli per il trasporto dei turisti nei pressi delle piramidi di Giza. Al loro posto verranno invece impiegate auto elettriche, del tutto ecologiche e alternativa intelligente per combattere lo sfruttamento degli animali.

L’importante iniziativa giunge dal Ministero del Turismo egiziano e, come riferisce PETA Asia, dovrebbe entrare in vigore nelle prossime settimane. E non è tutto, poiché oltre a Giza le autorità stanno pensando di estendere il divieto a tutte le località turistiche del Paese.

Cammelli e turisti: un’usanza dannosa

La possibilità di effettuare un tour turistico sul dorso di un cammello è una delle attrazioni più note per i viaggi in Egitto. I turisti rimangono affascinati dalla possibilità di vedere le piramidi da vicino, rincorrendo l’immagine romantica del cammello sulla sabbia, senza però pensare alle conseguenze. Questi servizi apparentemente innocui, infatti, nascondono spesso realtà fatte di sfruttamento e maltrattamento.

È la stessa PETA a confermarlo, così come riporta La Stampa:

Questo annuncio è un’enorme vittoria per tutti i cammelli e i cavalli che sono costretti a trasportare i visitatori sulla schiena o in carrozza nei principali siti turistici dell’Egitto nel caldo torrido, senza accesso a cibo, acqua o ombra. Dopo che la nostra organizzazione ha svelato l’immensa sofferenza di questi animali da lavoro – ad esempio, gli animali scivolavano e cadevano a terra e gli operai venivano ripresi dalla telecamera mentre frustava senza pietà un cavallo dopo che era crollato per l’esaurimento – noi e quasi 500.000 persone compassionevoli abbiamo inviato lettere al Ministero del turismo, e i nostri rappresentanti si sono incontrati con funzionari governativi per discutere la fine di questo abuso vietando l’uso di animali in questi siti».

Spesso i cammelli vengono scambiati in mercati noti per le scarse condizioni di vita di questi animali, come quello del Birqash, dove questi animali sono frequentemente sottoposti a violenze.

Lo stop al trasporto di turisti tramite animali sta sempre più coinvolgendo l’intero globo. Dopo il divieto in alcune località turistiche asiatiche per il classico tour con gli elefanti, da tempo si discute anche della condizione dei cavalli delle botticelle di Roma.

Fonte: La Stampa

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il parto in diretta di una rara giraffa di Rothschild