Cambiamenti climatici, ex esperto NASA: azione di Trump illegale

Cambiamenti climatici, ex esperto NASA: azione di Trump illegale

Fonte immagine: 2315319 / Pixabay

Il governo Trump non starebbe facendo nulla contro i cambiamenti climatici, secondo un nuovo studio dell'ex scienziato della NASA James Hansen.

Sui cambiamenti climatici è stato di recente pubblicato uno studio del dottor James Hansen, ex scienziato della NASA e climatologo del Columbia University’s Earth Institute. La ricerca è intitolata “Young People’s Burden”. Gli esperti spiegano che l’Accordo di Parigi non è adatto a risolvere il problema del surriscaldamento globale.

L’obiettivo è molto ambizioso, perché lo studio vuole convincere i giudici federali che l’azione portata avanti dall’amministrazione di Trump sulla questione sia illegale. Hansen è considerato il “nonno” della consapevolezza del cambiamento climatico. Non a caso Sophie Kivlehan, la nipote 18 enne, fa parte di un gruppo di giovani che si è sempre interessato all’argomento.

Proprio dei giovani nel 2015 hanno citato in giudizio il governo degli Stati Uniti, allora con Obama, perché a loro dire lo Stato non stava facendo niente per limitare i cambiamenti climatici pericolosi e per salvaguardare il loro futuro. Adesso il nuovo studio proverebbe la teoria sostenuta da questi ragazzi.

L’Accordo di Parigi per limitare l’aumento della temperatura globale, non facendola salire di più di 2 °C entro il 2100, sarebbe insufficiente. Il team internazionale di ricercatori che si è occupato della questione ha concluso che per prevenire una futura catastrofe sarebbe necessaria un’azione più drastica.

Hansen e gli altri ricercatori sostengono l’importanza di migliori pratiche agricole e forestali per contrastare l’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera. Hanno dichiarato anche che è necessario che queste azioni vengano svolte nel più breve tempo possibile, altrimenti per i giovani del futuro i costi diventeranno sempre più difficili da sopportare.

Nel nuovo studio tutto il problema viene descritto in modo più accessibile rispetto alla maggior parte dei volumi accademici e la stessa Sophie Kivlehan ha dichiarato che non si tratta affatto di un problema astratto. Se lo studio dovesse essere abbastanza convincente nei confronti dei tribunali, i politici che negano l’urgenza del caso dovranno fare i conti con un piano per salvare il pianeta dall’incubo del cambiamento climatico.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cambiamenti climatici, come e perché avvengono?