California: la super fioritura che colora il Carrizo Plain

California: la super fioritura che colora il Carrizo Plain

Fonte immagine: WikiCommons

La fioritura del Carrizo Plain in California è un evento spettacolare che non accadeva da 6 anni: la prateria è un arcobaleno di colori e di vita.

Immaginate la bellezza di un quadro di Monet. Unitevi i colori dell’arcobaleno e forse riuscirete ad immaginare l’immensa bellezza dello spettacolo della fioritura eccezionale del Carrizo Plain National Monument in California. Giallo, arancione, rosso, blu, viola.

Sono solo alcuni dei colori che vi troverete davanti agli occhi in questa eccezionale fioritura di primavera. La piana del Carrizo si trova tra i 700 e i 1500 metri sul livello del mare nell’entroterra tra San Luis Obispo e Santa Barbara ed è praticamente l’ultimo esempio di prateria di questa zona della California.

Fino a qualche mese fa questa zona era considerata semi-arida per colpa della grande siccità che aveva colpito il Carrizo Plain per anni e anni, ma quest’anno la pioggia ha compiuto un piccolo miracolo. Una vera e propria esplosione di fiori colorati ha ridato vita alla prateria, che sembrava non aspettasse altro.

Del resto non è la prima volta che si verifica questo tipo di “miracolo”: era già successo nel deserto di Atacama, o nella Death Valley. Qui però, nel Carrizo Plain, era dal 2011 che non tornava la vita. Ora, grazie alle forti piogge degli ultimi mesi, è avvenuta la famigerata “super bloom“, la super fioritura.

Un numero record di visitatori sono così accorsi per ammirare questo spettacolo composto da decine e centinaia di specie di fiori diverse che non si vedevano da anni. “Sembra quasi un paesaggio tratto da un libro di fiabe” hanno commentato molti fotografi e scienziati, rimasti tutti piacevolmente sorpresi da questa fioritura. Purtroppo questo spettacolo pare durerà solo un paio di settimane, a seconda delle condizioni climatiche che si prospetteranno nei prossimi giorni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata