Calcestruzzo drenante più resistente con fibra di carbonio riciclata

Calcestruzzo drenante più resistente con fibra di carbonio riciclata

Fonte immagine: Washington State University

Un team di ricercatori è riuscito a impiegare le fibre di carbonio riciclate per realizzare un calcestruzzo drenante più durevole e resistente.

Un gruppo di ricercatori è riuscito a migliorare le proprietà meccaniche del calcestruzzo drenante rinforzandolo con materiale composito in fibra di carbonio riciclata; nasce così un nuovo calcestruzzo permeabile che ha durata e resistenza maggiori dei prodotti attualmente in commercio e che può esser prodotto in scala, dando così agli scarti una seconda vita.

Sebbene la produzione di prodotti in fibra di carbonio sia in costante aumento, il riciclaggio di tale materiale rimane comunque impegnativo. La scoperta effettuata presso la Washington State University potrebbe però consentirne presto un riutilizzo efficace per realizzare un nuovo calcestruzzo permeabile, migliorato e dalla maggiore durata.

Se il calcestruzzo drenante permette il deflusso delle acque piovane aiutando a prevenire inondazioni e riducendo anche l’inquinamento idrico grazie alla sua alta porosità, è vero che è meno resistente e duraturo del calcestruzzo tradizionale.

La fibra di carbonio riciclata andrebbe però a risolvere tale problematica: utilizzando una tecnica di fresatura meccanica economica per macinare gli scarti di fibra di carbonio forniti da Boeing, e aggiungendoli al calcestruzzo permeabile, la durata e la resistenza del materiale sono aumentate notevolmente.

Il prossimo passo sarà quello di testare questo calcestruzzo drenante più resistente in applicazioni reali. Secondo Somayeh Nassiri, uno dei responsabili della ricerca:

in termini di resistenza alla flessione, abbiamo ottenuto risultati davvero buoni, alti quanto quelli del calcestruzzo tradizionale, pur mantenendo un drenaggio molto rapido.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi