Caffè: da evitare in gravidanza o se si vogliono figli

Caffè: da evitare in gravidanza o se si vogliono figli

Bere caffè in gravidanza o quando si prova a concepire un figlio rappresenta un rischio per le donne: possibile incremento di aborti spontanei.

Meglio evitare di bere caffè se si vuole concepire un figlio o si vuole una gravidanza con minori rischi. Questo il consiglio rivolto alle donne dai ricercatori dello US National Institutes of Health, il cui studio (non ancora pubblicato) verrà presentato in anteprima al congresso dell’American Society for Reproductive Medicine’s (ASRM) a Philadelphia.

Contrariamente a quanto generalmente sostenuto anche bassi consumi di caffè influirebbero negativamente per quanto riguarda il rischio di aborti spontanei. Sono stati monitorati i profili di 1228 donne che tra il 2007 e il 2011, incluse in uno studio sugli effetti dell’aspirina in gestazione, valutandone il consumo di caffeina dalle bevande (oltre al livello della sostanza nel sangue) ed eventuali ripercussioni per quanto riguarda il normale procedimento della gravidanza. A guidare lo studio la dott.ssa Alexandra Purdue-Smithe, che ha dichiarato:

Le donne che cercano di avere un figlio potrebbero beneficiare dell’eliminazione della caffeina durante il periodo prima del concepimento e nelle prime fasi della gravidanza.

La ricerca si basa su uno studio precedente, non appositamente realizzato per valutare l’impatto della caffeina sulle donne durante la gravidanza. Da qui le varie critiche ricevute dai ricercatori in merito alle conclusioni tratte.

Pericoli per un corretto svolgimento della gravidanza arriverebbero anche da un eccessivo ricorso a grassi e zuccheri. Ad affermarlo i ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington, secondo i quali un eccesso di alimenti troppo zuccherati o ad alto contenuto di lipidi si tradurrebbe in neonati con il muscolo cardiaco più debole della norma.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La Mobilità si fa in 4, l’iniziativa di Arval per le scuole