• GreenStyle
  • Salute
  • Caffè: 4 tazze al giorno riducono il rischio di morte prematura

Caffè: 4 tazze al giorno riducono il rischio di morte prematura

Caffè: 4 tazze al giorno riducono il rischio di morte prematura

Secondo un recente studio, bere quattro tazze al giorno di caffè ridurrebbe il rischio di numerose malattie al cuore e al fegato.

Bere quattro tazze al giorno di caffè sarebbe salutare per la maggior parte delle persone, come ha concluso uno studio dell’Università di Southampton. La bevanda, secondo il rapporto messo a punto dai ricercatori, ridurrebbe il rischio di malattie cardiache del 15% e il pericolo di morire prematuramente del 17%.

Inoltre gli scienziati hanno trovato prove sul fatto che il caffè ridurrebbe la possibilità di incorrere in alcuni tumori, nel diabete, nelle malattie del fegato e nella demenza. Naturalmente gli esperti avvertono che ci sono anche delle possibili controindicazioni da tenere presenti. Le donne in gravidanza ad esempio se bevono troppo caffè sono più in pericolo di perdere il loro bambino. È stato trovato anche che la caffeina aumenterebbe il rischio di fratture ossee tra le donne.

Nel complesso le persone che bevono caffè hanno maggiori possibilità di trarne beneficio, anche contro le malattie croniche. Sarebbe tutto merito degli antiossidanti contenuti nella bevanda. Il caffè tostato è una miscela di più di 1000 composti bioattivi, alcuni dei quali hanno effetti antinfiammatori, antifibrotici e antitumorali.

Il gruppo di ricerca ha combinato i risultati di 201 studi che sono stati pubblicati sull’argomento e ha scoperto anche che l’assunzione entro i limiti di caffè ridurrebbe del 15% il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

I composti antiossidanti presenti nella bevanda ridurrebbero del 34% il rischio di tumore al fegato e del 17% la possibilità di incorrere in un tumore all’intestino. Inoltre i bevitori di caffè hanno una probabilità inferiore del 36% di sviluppare la malattia di Parkinson e un rischio inferiore del 27% di incorrere nell’Alzheimer.

Naturalmente non bisogna superare i limiti consentiti, che secondo l’Unione Europea sarebbero di 400 mg per gli adulti. In caso contrario si potrebbero avvertire delle conseguenze, come la possibilità di incorrere nell’ansia e nello scompenso cardiaco. Gli studi stessi hanno individuato che bere più di 3-4 tazze al giorno di caffè non porta ad ulteriori benefici.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social