• GreenStyle
  • Consumi
  • Caccia, cani e gatti tra le vittime: nel solo Veneto 42 in due mesi

Caccia, cani e gatti tra le vittime: nel solo Veneto 42 in due mesi

Caccia, cani e gatti tra le vittime: nel solo Veneto 42 in due mesi

I numeri dei primi due mesi dall'apertura della caccia rivelano un panorama incredibile: 42 tra cani e gatti uccisi per errore nella sola regione Veneto

La caccia continua a mietere le sue vittime, purtroppo non solo fra le sfortunate prede. Cani e gatti domestici vengono ogni giorno colpiti per errore dai cacciatori tanto che, nel solo Veneto, se ne contano almeno 42 nei primi due mesi dall’apertura della stagione venatoria. Parliamo ovviamente solo dei casi denunciati, che di questo fenomeno potrebbero però rappresentare solo la minoranza.

Alcuni dei più “fortunati” riescono a tornare a casa, seppur feriti, da dove i loro padroni provvedono a portarli presso una clinica veterinaria. Per molti altri, sia cani che gatti, il destino è diverso. Come spiega Renzo Rizzi, coordinatore del Comitato anti-caccia vicentino:

Gli animali fanno ritorno a casa sanguinanti, altri spariscono per sempre o vengono ritrovati con il corpo crivellato dai pallini lasciando sgomente intere famiglie.

Dure le dichiarazioni dello stesso Rizzi, che ha chiesto alla Regione Veneto di inasprire le sanzioni per chi commetta simili atti di crudeltà, con la revoca della licenza di caccia e la sospensione per cinque anni dall’attività venatoria:

Per un cacciatore abituato a uccidere per hobby, per gioco, presumo che uccidere una lepre, un gatto o un cane non faccia molta differenza. Ricordo comunque che cani e gatti non sono prede inserite nel calendario venatorio, sono protetti dalle leggi a più livelli, sono animali che devono essere rispettati in quanto di proprietà, sono animali d’affezione. Ammazzarli vuol dire fare del male direttamente a un nucleo famigliare, è un atto delinquenziale, una vigliaccata che non ha scusanti.

Una posizione che non mancherà certamente di infiammare l’eterna polemica tra cacciatori e animalisti, con questi ultimi che dell’attività venatoria non vorrebbero più sentir parlare.

Seguici anche sui canali social