Bonus Bici, nuovi fondi dal 9 novembre: come richiederli

Bonus Bici, nuovi fondi dal 9 novembre: come richiederli

Bonus Bici, al via la seconda fase: dal 9 novembre di nuovo attiva la piattaforma per la richiesta degli incentivi, cosa c'è da sapere.

Torna il Bonus Bici. Nuovi fondi sono a disposizione dei richiedenti a partire da oggi 9 novembre, come anticipato nei giorni scorsi dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Di seguito le informazioni per richiedere gli incentivi e le tempistiche sui rimborsi.

Il timore che durante il “click day” del 3 novembre 2020 qualcuno potesse non riuscire a richiedere il Bonus Bici era fondato. Tanto che lo stesso Ministro Costa aveva fatto sapere di aver predisposto una seconda fase di incentivazione. Il mantra era stato “nessuno verrà lasciato indietro”.

Così sembra essere stato, con il via da oggi alle richieste che un motivo o l’altro non sono andate a buon fine. Tra questi il blocco o malfunzionamento della piattaforma bonusmobilita.it e i diversi problemi riscontrati dagli utenti con l’identità digitale SPID.

Bonus Bici, come richiederlo

Si riparte da oggi, con nuovi fondi, ma con le medesime procedure per la richiesta dei rimborsi. Occorrerà collegarsi alla piattaforma bonusmobilita.it avendo a disposizione tre elementi: la propria identità digitale SPID, la fattura o lo scontrino parlante relativo all’acquisto, il codice IBAN.

La propria identità digitale SPID servirà per accreditarsi sulla piattaforma ed essere ammessi alla presentazione della domanda. Come documento d’acquisto saranno ammessi sia la fattura che lo scontrino parlante (riportante in modo chiaro il tipo di acquisto e il codice fiscale del richiedente). L’IBAN fornito servirà per accreditare il Bonus Bici una volta che verrà erogato.

In merito all’effettiva erogazione del bonus il Ministero dell’Ambiente ha fatto sapere che si parlerà dell’inizio del 2021. Come ricordiamo sono ammessi all’incentivo diversi mezzi della mobilità sostenibile, tra i quali biciclette, anche elettriche, e monopattini elettrici.

Niente click day, ma data di scadenza

Secondo quanto dichiarato dal Ministero dell’Ambiente non ci sarà il rischio click day in questo caso. Le domande potranno essere presentate dal 9 novembre al 9 dicembre 2020, così da permettere di quantificare le risorse necessarie a soddisfare le richieste pervenute.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle