• GreenStyle
  • Consumi
  • Bollette luce e gas: rischio aumenti per il salvataggio di Alitalia

Bollette luce e gas: rischio aumenti per il salvataggio di Alitalia

Bollette luce e gas: rischio aumenti per il salvataggio di Alitalia

Fonte immagine: Foto di pkozmin da Pixabay

Ipotesi incremento degli oneri di sistema nelle bollette di luce e gas, circa 650 milioni totali da utilizzare per il salvataggio di Alitalia.

Sembra più di un’ipotesi l’aumento degli oneri di sistema contenuti nelle bollette di luce e gas. Alla base degli incrementi vi sarebbero i costi necessari a mantenere il commissariamento di Alitalia, così da garantire il normale svolgimento dei servizi. Una copertura finanziata che il governo avrebbe pianificato di reperire, grazie ad alcuni articoli del decreto Crescita, direttamente dalle famiglie italiane.

Una scelta che non sembra essere passata inosservata e contro la quale si è schierata apertamente l’Autorità per l’Energia, che ha sottolineato l’inopportunità di ulteriori balzelli a carico dei consumatori. Come sottolineato dall’Authority nella segnalazione:

Le disposizioni, riducendo le disponibilità finanziarie della CSEA ne comprimano i margini di flessibilità, funzionali alle molteplici esigenze di copertura finanziaria degli oneri generali di sistema, inclusa la mitigazione degli effetti per i clienti finali, in caso di forti ed inattese oscillazioni dei costi di generazione o di approvvigionamento dell’energia.

Ammonterebbero a circa 650 milioni di euro i fondi che il governo sta tentando di recuperare attraverso l’incremento degli oneri di sistema nelle bollette di luce e gas, spiega l’Autorità per l’Energia, nello specifico attraverso gli articoli 37 e 50 del decreto. Operazioni che potrebbero, ha proseguito l’ente:

Generare ripercussioni negative sull’intero sistema e che potrebbero tramutarsi in un incremento improprio dei prezzi dell’energia per le famiglie e per le imprese, qualora ciò dovesse tradursi in un aumento dei corrispettivi a copertura degli oneri generali, con possibili effetti sfavorevoli sul ciclo economico generale.

Pronte a dare battaglia le associazioni dei consumatori, mentre l’Autorità per l’Energia ha dichiarato che continuerà:

Nell’esercizio delle proprie competenze e in aderenza al proprio mandato istituzionale, a determinare i corrispettivi a copertura degli oneri generali perseguendo, in via prioritaria, la tutela dei clienti finali e l’efficiente funzionamento del settore elettrico.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Stefano Ciafani – Legambiente