Bollette luce: da gennaio rincari record fino al 9%

Bollette luce: da gennaio rincari record fino al 9%

Fonte immagine: assente

Nuovi rincari in arrivo per le bollette elettriche, AEEGSI segnala i dati e invita il Governo a rinviare di un anno le novità tariffarie.

Si prepara un anno nuovo difficile per i piccoli consumatori di energia elettrica. A sottolinearlo è un nuovo documento diffuso dall’AEEGSI, Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, che indica come tra i 22 e i 29 milioni di famiglie subiranno dei rincari nelle bollette elettriche fino al 9% per compensare gli sconti ai soggetti energivori.

A scatenare i nuovi rincari nella bolletta elettrica la terza fase della riforma tariffaria, che scatterà il 1 gennaio 2018 e comprenderà come anticipato gli oneri generati da sconti a beneficio dei soggetti energivori per un totale di 1,5 miliardi di euro. La situazione potrebbe inoltre innescare, prosegue AEEGSI, dei probabili rincari in relazione alla “componente energia”.

Ciò ha spinto la stessa Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico a invitare, attraverso una segnalazione indirizzata al Governo e al Parlamento italiano per invitarli a posticipare l’avvio di quest’ultima parte della riforma tariffaria. Nella sostanza si abbandonerà il sistema di calcolo delle bollette basato sulla progressività in relazione agli oneri di rete e di sistema (al calare dei consumi corrisponderebbe una riduzione del costo dei kWh per tali oneri), rendendo di fatto più pesanti le bollette per chi consuma poco (entro i 2.700 kWh/anno, circa l’80% delle famiglie italiane).

AEEGSI, prospetto riforma bollette
Fonte: assente

Attesa per il 1 gennaio 2018 anche la riforma della agevolazioni per le imprese ad alta intensità energetica, che servirà all’Italia per adeguarsi alla normativa UE rendendo totalmente espliciti gli aiuti alle imprese energivore. Secondo quanto riferito da AEEGSI si passerà dai 626 milioni di euro attuali fino a circa 1,5 miliardi; di questi il 24% dei costi sarà carico delle famiglie.

A tal proposito l’Agenzia ha suggerito inoltre un’azione di rafforzamento del bonus sociale, da attuare contemporaneamente all’ultima fase di riforma tariffaria, per attenuare l’impatto dei rincari sulle fasce più deboli.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella