Bollette gas e luce: aumenti dal 1 ottobre, +3,9% e 2,6%

Bollette gas e luce: aumenti dal 1 ottobre, +3,9% e 2,6%

Fonte immagine: iStock

Aumenti in arrivo per le bollette di gas e luce: rincari a partire dal primo ottobre, critiche da parte di Federconsumatori.

Rincari in arrivo per i consumatori di luce e gas che rientrano nel regime di Maggiore Tutela. Le bollette del prossimo trimestre subiranno alcuni ritocchi, spiega l’Autorità per l’Energia (Arera), più marcati per quanto riguarda il gas e leggermente inferiori per le utenze relative all’elettricità. Le nuove tariffe entreranno in vigore a partire dal primo ottobre.

Bollette del gas che subiranno un incremento del 3,9%, mentre quelle della luce del 2,6%. Tra i responsabili per l’aumento delle tariffe del gas il fatto che sono previsti, con l’arrivo dei mesi più freddi, consumi maggiori e un conseguente incremento della richiesta di metano per gli impianti di riscaldamento. A pesare sul front elettrico tensioni internazionali e contratti di fornitura.

Critiche riguardo gli aumenti sulle bollette energetiche sono state avanzate da Emilio Viafora, presidente Federconsumatori. Rincari definiti “ciclici”, sui quali secondo Viafora il governo dovrebbe fare luce. Dubbi nello specifico sulle tariffe dell’elettricità, sulle quali graverebbero tasse e oneri di sistema oltre ad agevolazioni per le imprese energivore, le ferrovie e persino, conclude Viafora, le spese per “lo smantellamento delle centrali nucleari”.

Federconsumatori chiede a questo proposito una revisione “complessiva” del sistema, che riveda oneri di sistema e tassazione per quanto riguarda le bollette di luce e gas così da eliminare dalle fatture dei consumatori voci ormai obsolete e diseguaglianze.

Risparmio energetico

I nuovi aumenti delle bollette di luce e gas riportano all’attenzione dei consumatori alcune pratiche per il risparmio energetico in casa. Alcuni consigli utili possono contribuire a ridurre l’energia consumata e di conseguenza portare a fatture “più leggere”. Un esempio è la corretta e regolare manutenzione degli impianti di riscaldamento e delle caldaie.

Per quanto riguarda i termosifoni è bene ricordare che è meglio non coprirli o “schermarli” con tende, mobili o altro ostacolo che renda più difficile la diffusione del calore nelle stanze. Prima della stagione fredda verificare anche l’assenza di aria nei radiatori (eventualmente utilizzando le apposite valvole per far uscire l’aria presente).

Da non sottovalutare l’isolamento termico, ricordandosi di non aprire le finestre nelle ore più fredde del giorno, ma approfittare dei momenti più caldi per cambiare l’aria. Se non presenti installare finestre con doppi vetri e ricordarsi la sera di chiudere serrande o persiane per trattenere maggiore calore all’interno.

In cucina va tenuto in considerazione che il frigorifero tenderà a consumare meno se posizionato lontano dalle fonti di calore, ricordandosi inoltre di non introdurre al suo interno alimenti troppo caldi (che costringeranno il frigo a un lavoro extra). La lavastoviglie risulterà più efficiente, anche per quanto riguarda l’utilizzo di acqua, se avviata a pieno carico. Discorso quest’ultimo valido anche per la lavatrice. In ogni caso preferire elettrodomestici ad alta efficienza energetica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Smart Energy Expo 2015: intervista a Marisa Martano, Edison Energy Solutions