• GreenStyle
  • Energia
  • Bolletta elettrica: per AEEG scenderà con 25 grandi opere di Terna

Bolletta elettrica: per AEEG scenderà con 25 grandi opere di Terna

Bolletta elettrica: per AEEG scenderà con 25 grandi opere di Terna

Restyling della rete elettrica italiana: Terna presenta il piano 2013-2017 e riceve le priorità dell'Autorità per l'Energia.

L’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha completato e consegnato a Terna l’elenco delle 25 opere ritenute prioritarie per migliorare il servizio elettrico e far scendere i costi della bolletta elettrica in Italia. Si tratta di grandi progetti, aggiornamenti alla rete elettrica che miglioreranno il trasporto dell’elettricità e permetteranno di superare i ben noti colli di bottiglia oggi presenti.

In pratica, al termine di una consultazione AEEG-Terna, la prima ha stilato una serie di suggerimenti per la seconda e selezionato i progetti più urgenti:

Sempre nella prospettiva della selettività, l’Autorità ha anche introdotto una specifica distinzione fra le opere principali, ovvero quegli interventi “che permettono il raggiungimento del principale beneficio elettrico” e le opere accessorie, intese come opere di completamento delle opere principali.

L’elenco è contenuto della delibera 40/2013/R/eel e contiene la maggior parte dei progetti Terna più noti:

  • Interconnessione HVDC Italia-Balcani
  • Interconnessione HVDC Italia-Francia
  • Potenziamento interconnessione Italia-Francia
  • Elettrodotto 380 kV Sorgente-Rizziconi
  • Elettrodotto 380 kV Foggia-Benevento II
  • Elettrodotto 380 kV Trasversale calabra Feroleto-Maida
  • Elettrodotto 380 kV Foggia-Villanova
  • Elettrodotto 380 kV Paternò-Pantano-Priolo
  • Ampliamento sez. 150 kV Deliceto
  • SE di Castellaneta
  • Elettrodotto 380 kV Trino-Lacchiarella
  • Razionalizzazione 380 kV Venezia-Padova
  • Interconnessione a 150 kV isole campane
  • Razionalizzazione 220 kV Milano
  • Razionalizzazione 220 kV e 132 kV provincia di Torino
  • Elettrodotto 380 kV Udine Ovest-Redipuglia
  • Stazione 220 kV Polpet (BL)
  • Elettrodotto 380 kV Calenzano-S.Benedetto del Querceto-Colunga
  • Elettrodotto 132 kV Elba-Continente
  • Elettrodotto 380 kV Montecorvino-Avellino Nord-Benevento II
  • Stazioni 380/150 kV e relativi raccordi alla rete AT per la raccolta di produzione da fonte rinnovabile: rinforzi rete AAT e AT tra Foggia e Benevento
  • Elettrodotto 380 kV Chiaramonte Gulfi-Ciminna
  • Elettrodotto 150 kV Cagliari Sud-Rumianca
  • Riassetto rete 220 kV Napoli
  • Riassetto area metropolitana Palermo

Come si può ben vedere tra queste grandi opere elettriche di Terna ce ne sono più di una dedicata espressamente all’import-export di energia. Grande spazio ha anche il sud, dove negli ultimi anni la produzione da rinnovabili, soprattutto eolico, ha messo in luce seri problemi alla rete. I rinforzi della rete ad alta e altissima tensione tra Foggia e Benevento servono proprio a “sbottigliare” eolico e fotovoltaico.

Terna, che proprio oggi ha approvato il suo nuovo piano strategico 2013-2017, prevede nei prossimi quattro anni investimenti per 4,1 miliardi di euro in manutenzione e sviluppo della rete elettrica, che comprendono anche i circa 300 milioni di euro da destinare ai progetti sperimentali di accumulo.

Tanti soldi, che fanno felice Confindustria ANIE (Associazione Nazionale Imprese Elettrotecniche, cioè le aziende che fisicamente eseguiranno gli appalti Terna). Il presidente di ANIE, Claudio Gemme, plaude a Terna e al suo programma:

In un momento come quello attuale in cui la crisi economica e il rallentamento della produzione italiana non sembrano cessare Terna continua a rappresentare un volano fondamentale per lo sviluppo e il lavoro nel nostro Paese.

Soprattutto in un settore, come quello delle reti infrastrutturali che ha bisogno di importanti investimenti, Terna prevede, per i prossimi cinque anni, 4,1 miliardi di euro per la sicurezza e l’ammodernamento della Rete elettrica di cui 300 milioni di euro dedicati alle nuove tecnologie: investimenti consistenti che sono il segnale di un impegno concreto a favore dell’economia reale, da cui traggono beneficio sia le imprese del comparto elettrico che i cittadini

In effetti, oggi come oggi, Terna risulta essere una delle stazioni appaltanti più grandi e ricche d’Italia. Il mancato aggiornamento della rete elettrica è stato, pochi giorni fa, al centro di una polemica tra Terna, l’Antitrust e AssoElettrica. Vedremo se queste 25 opere si faranno tutte, in che tempi e quanto riusciranno a far scendere i costi dell’energia per cittadini e imprese.

, AEEG

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Smart Energy Expo 2015: intervista a Marisa Martano, Edison Energy Solutions