Bolletta elettrica: come risparmiare fino a 685 euro l’anno

Bolletta elettrica: come risparmiare fino a 685 euro l’anno

Fonte immagine: assente

Uno studio del sito SosTariffe.it sfata una serie di miti sul risparmio energetico e fornisce consigli per risparmiare sulla bolletta elettrica.

Eliminare gli sprechi casalinghi di energia elettrica può permettere di risparmiare tra i 247 e i 685 euro l’anno. Il dato emerge da uno studio condotto da SosTariffe.it, che ha stimato gli effetti sulla bolletta dei comportamenti di consumo più diffusi nelle case degli italiani. L’analisi ha permesso tra l’altro di sfatare alcuni falsi miti in materia di risparmio energetico, individuando invece gli interventi più efficaci per evitare gli sprechi.

Lo studio parte con lo scagionare apparecchi elettrici come il phon, il ferro da stiro e il forno elettrico, considerati dei grandi consumatori di energia. Questi dispositivi, sottolinea SosTariffe.it, assorbono in effetti molta corrente, ma influiscono poco sui consumi complessivi. Sul piano economico, in particolare, si va dai 159 euro l’anno di spesa media per il frigorifero ai 10 euro annui per l’asciugacapelli.

L’analisi conclude che anche il consiglio di non lasciare gli apparecchi in stand-by o di staccare i caricatori dalle prese siano in realtà poco efficaci. Questi accorgimenti, infatti, permettono di risparmiare in media solo 1,3 e 2,1 euro l’anno rispettivamente. Vero, invece, che occorre utilizzare il condizionatore in modo oculato per evitare stangate in bolletta. Lasciare l’aria condizionata in funzione anche quando si è fuori casa, ad esempio, non riduce lo “sforzo” dell’apparecchio per abbassare la temperatura.

Ecco dunque i consigli di SosTariffe.it per risparmiare davvero energia e ridurrela bolletta elettrica. Grazie a questi accorgimenti, in particolare, una famiglia di quattro persone può risparmiare in media 685 euro annui. Il risparmio scende a 349 euro per una coppia e a 247 euro l’anno per i pensionati.

      Usare il condizionatore con accortezza, accendendolo solo quando serve, con il programma “deumidificazione” e abbinandolo a un ventilatore: si risparmia fino al 75%.
      Lavare i panni in lavatrice a 30° è molto più importante che usare il programma “eco” o avere un apparecchio di classe energetica molto alta. Il 90% del consumo di una lavatrice è dato infatti dal riscaldamento dell’acqua del lavaggio.
      Se il frigorifero è vecchio di più di 8-10 anni, cambiarlo con uno in classe A+++. Con i prezzi attuali l’investimento si recupera velocemente e si risparmiano quasi 100 euro l’anno.
      L’asciugatrice può costare più di 200 euro l’anno in elettricità: valutare attentamente la convenienza dell’acquisto e preferire sempre l’asciugatura con lo stendino.
      Passare al mercato libero con la tariffa giusta per le proprie esigenze offre significativi risparmi: a fine anno si spenderà il 7-10% in meno rispetto alle tariffe regolamentate.

Commenta Giuliano Messina, amministratore e cofondatore di SosTariffe.it:

Ridurre sprechi e bollette non è difficile se si agisce sui quei comportamenti che fanno davvero la differenza. L’impatto potrebbe non essere sempre troppo elevato ma a volte è solo questione di cambiare qualche piccola abitudine senza particolari sacrifici. I risparmi aumentano sfruttando anche i vantaggi dei prezzi differenti nelle diverse fasce orarie: passando al mercato libero è possibile anche ottimizzare i propri consumi scegliendo con consapevolezza tra un’offerta bioraria o monoraria in base alle proprie specifiche esigenze.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Tessa Gelisio