• GreenStyle
  • Auto
  • Blocco del traffico a Milano. Pisapia ferma anche l’hinterland

Blocco del traffico a Milano. Pisapia ferma anche l’hinterland

Blocco del traffico a Milano. Pisapia ferma anche l’hinterland

Dopo 12 giorni di inquinamento oltre i limiti di legge, il sindaco di Milano annuncia il blocco del traffico domenicale in città e provincia

L’inquinamento atmosferico sembra non voler lasciare la città di Milano e il suo hinterland. Dopo 12 giorni consecutivi del livello di particolato, il famigerato PM10, oltre la soglia di concentrazione prevista nell’aria, il primo cittadino del capoluogo lombardo ha deciso di intervenire. Come annunciato nei giorni precedenti, il sindaco Giuliano Pisapia ha annunciato i primi blocchi del traffico e le domeniche a piedi per la città di Milano e il suo hinterland.

Da domani, giovedì 6 ottobre, scatterà il primo blocco della circolazione voluto dalla giunta Pisapia: per tutto il giorno e in tutta la città le auto più inquinanti (benzina Euro 0, diesel Euro 0,1 e 2) dovranno rimanere parcheggiate. Domenica prossima lo stop riguarderà tutti: dalle 8 alle 18 il traffico si fermerà. L’intenzione di Pisapia però non è quella di fermare solo la città di Milano. La volontà di Palazzo Marino è quella di concordare con tutti i comuni dell’hinterland una domenica al mese di blocco del traffico, indipendentemente dai livelli di inquinamento e dalle condizioni atmosferiche.

Scaricando la paternità dei blocchi in arrivo sulla ex amministrazione Moratti, il sindaco, dopo aver inviato una lettera di scuse ai sindaci dell’hinterland per non averli interpellati sullo stop forzato del traffico, ha dichiarato come le domeniche a piedi non servirebbero solamente a migliorare la salute dell’atmosfera ma avrebbero anche una funzione sociale, creando un’occasione per vivere in modo partecipato la città.

Se Pisapia ritiene utile fermare il traffico, dagli uffici della Provincia è arrivato un secco parere negativo.

L’esperienza insegna che i risultati di divieti e domeniche ecologiche sono modesti se paragonati al disagio arrecato alla mobilità e all’economia dell’area metropolitana

ha dichiarato Giovanni De Nicola, l’assessore ai Trasporti di Palazzo Isimbardi.

Seguici anche sui canali social