Birra gratis in cambio di plastica da riciclare a Milano

Birra gratis in cambio di plastica da riciclare a Milano

L'iniziativa Pay With Plastic, realizzata da Parley e Corona, permette l'acquisto di una bottiglia di birra Corona in cambio di bottiglie in plastica.

Acquistare birra pagando con rifiuti in plastica. Sembra un sogno, ma è una delle idee del progetto Protect Paradise, frutto della collaborazione tra il noto marchio di birra Corona e l’associazione Parley for the Oceans.

Un’iniziativa che nasce in concomitanza con la Settimana mondiale per gli Oceani e avviata in zona Navigli, a Milano. Un quartiere della capitale lombarda caratterizzato da un’intensa vita notturna dove da oggi staziona, in via di Ripa Ticinese 43, un’installazione artistica raffigurante una grande onda fatta di plastica. Presentata da Lorenzo Jovanotti l’opera, realizzata mediante il riciclo di 12 mila bottigliette e bicchieri in plastica, raffigura artisticamente la condizione attuale dell’inquinamento marino, in particolare degli ecosistemi oceanici.

Posta sotto l’installazione artistica troviamo la “Plastic Machine”, un macchinario che permette il ritiro di bottigliette in plastica, in cambio di un coupon da spendere nei locali aderenti, utilizzabili per l’acquisto di una birra Corona. Le bottiglie in giacenza nella macchina verranno poi riciclate.

Un gesto simbolico, alle quali verranno aggiunte le altre iniziative dell’iniziativa Pay With Plastic, come la realizzazione di un packaging speciale di birra Corona, in edizione limitata: per ogni pack venduto, Corona e Parley si impegneranno a ripulire un metro quadrato in aree oggetto dell’iniziativa. Tra le zone interessate: il porticciolo di Marina Grande a Cagliari e piazzale John Fitzgerald Kennedy a Rimini.

L’installazione sarà presente nella metropoli lombarda fino a domenica 16 maggio, per poi seguire Lorenzo Jovanotti nel suo tour estivo 2019. Un’altra occasione di incontro, tra arte e sostenibilità ambientale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci