Bike sharing e car sharing a Napoli dal 2013

Bike sharing e car sharing a Napoli dal 2013

Napoli si prepara ad accogliere 400 biciclette elettriche e un servizio di car sharing che dovrebbe migliorare la mobilità urbana della città.

Napoli punta sulla mobilità sostenibile. Ad assicurarcelo è lo stesso sindaco Luigi De Magistris al convegno Napoli 2020 – città e produzioni intelligenti. La costituita associazione Napoli Smart City punta proprio a rendere il capoluogo della Campania una città all’avanguardia secondo gli standard di mobilità europei.

Accanto ai lavori per la metropolitana, che saranno presto conclusi, Napoli si sta dotando di un servizio di bike e car sharing elettrici che dal 2013 sarà totalmente pubblico. Inoltre, si sta lavorando anche per permettere alla cittadinanza di spostarsi via mare, recuperando un altro ritardo storico della città.

Insomma quattro vie per rivoluzionare la mobilità cittadina: la bicicletta (con la costruzione anche di nuove piste ciclabili), il car sharing elettrico, la linea metropolitana e i trasporti via mare. Come ribadisce De Magistris:

Napoli è un modello a sé perché può mettere insieme tante cose: il mare, finora poco utilizzato anche come trasporto; il trasporto su bici, mai utilizzato e che tra poco lo sarà con la pista ciclabile; la metropolitana che il governo ha giudicato la migliore d’Europa e che sarà conclusa tra due anni con la chiusura dei cantieri.

E queste vere e proprie rivoluzioni dovrebbero aiutare a riportare Napoli a essere una meta d’interesse per i tour operator. A breve, infatti, verranno siglati degli accordi che daranno il via a collegamenti aerei con Pechino, San Pietroburgo e Mosca.

L’auspicio è che, per una volta, a queste dichiarazioni seguano davvero i fatti.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Govecs a EICMA 2017: intervista a Daniele Cesca