Bici e monopattini elettrici: Uber punta sulla guida autonoma

Bici e monopattini elettrici: Uber punta sulla guida autonoma

Fonte immagine: JUMP

Uber punta forte su monopattini e bici elettriche: in sperimentazione veicoli in grado di muoversi autonomamente verso stazioni di ricarica e clienti.

All’inizio dello scorso anno Uber ha acquisito per 100 milioni di dollari la startup Jump, impegnata nel settore ricerca delle bici e monopattini elettrici.

Adesso la società di punta per quanto riguarda il servizio di “sharing” del viaggio, sembra voler intensificare gli sforzi su bici e monopattini a guida autonoma, grazie al “micromobility robotics”: team nato con lo scopo di  progettare veicoli in grado di muoversi autonomamente verso le stazioni di ricarica e i clienti che ne richiedono il servizio.

L’obiettivo è quello di risparmiare sui costi, sia quelli sostenuti per le ricariche effettuate al di fuori della propria rete di assistenza, che quelli legati alla raccolta. I servizi di condivisione di biciclette e monopattini, consentono ai clienti di prendere i veicoli in centro città e lasciarli sul marciapiede fuori la loro destinazione.

Per riprendere possesso delle e-bike le aziende devono quindi pagare altre “società di raccolta”. Un’operazione logistica costosa che riduce significativamente i profitti per gli operatori.

Molte intenzioni rimangono ancora nascoste. Uber non ha infatti fornito dichiarazioni in merito alle attività che il team porterà avanti, è chiaro solo che si applicheranno ai futuri modelli tecnologie basate sul rilevamento della posizione e sul comparto della robotica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Govecs a EICMA 2017: intervista a Daniele Cesca