Bibite gassate e zuccherate possono danneggiare il cervello

Bibite gassate e zuccherate possono danneggiare il cervello

Un consumo regolare di bevande zuccherate può rendere iperattivi e modificare alcune proteine del cervello, come accade nell'Alzheimer.

Bere bibite zuccherate può provocare danni alla salute. Secondo uno studio condotto in Australia, queste bevande altererebbero le proteine del cervello inducendo inoltre modificazioni al comportamento. Un effetto simile, spiegano i ricercatori, a quanto accade nei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer.

Lo studio australiano ha condotto uno studio relativo al consumo di bevande con zuccheri aggiunti, notando come nei soggetti in cui veniva indotto il maggior consumo si manifestavano iperattività oltre a disturbi legati alle proteine cerebrali. I test sono stati condotti sui ratti, ma malgrado ciò i ricercatori affermano come i dati raccolti siano sufficientemente ampi da lasciar supporre chiari effetti anche sulla salute dell’uomo.

Il maggiore pericolo viene secondo i ricercatori dall’uso massivo che di queste bevande viene talvolta fatto. Alcuni adulti privilegiano, si legge nella nota, un consumo di bibite zuccherine anziché una più salutare assunzione d’acqua.

Prodotti gassati e zuccherati da utilizzare con moderazione sostengono invece la Dr.ssa Jane Franklin e i suoi colleghi, che invitano a una maggiore prudenza:

La nostra ricerca suggerisce che il consumo a lungo termin di bibite con aggiunta di zuccheri al posto dell’acqua può causare a lungo termine cambiamenti nel comportamento e una profonda modificazione nella chimica del cervello.

Se siete assetati, bevete acqua. Bibite gassate e zuccherine dovrebbero essere assunte con moderazione.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera