• GreenStyle
  • Salute
  • Bere caffè previene la sclerosi multipla secondo uno studio

Bere caffè previene la sclerosi multipla secondo uno studio

Bere caffè previene la sclerosi multipla secondo uno studio

Dal caffè un possibile aiuto nel proteggere dalla sclerosi multipla, a sostenerlo uno studio della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora.

Bere caffè aiuta a prevenire il rischio di sclerosi multipla. A sostenere quello che potrebbe essere un altro importante vantaggio derivato dalla bevanda sono stati i ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora.

Nell’ambito della ricerca sugli effetti del caffè sull’insorgere della sclerosi multipla i ricercatori guidati dalla Dr.ssa Ellen Mowry hanno analizzato i risultati di due precedenti studi svolti in merito, il primo condotto in Svezia mentre il secondo negli USA.

Nello studio svedese sono stati coinvolti 1.629 pazienti affetti da sclerosi multipla e 2.807 soggetti sani mentre in quello statunitense l’analisi ha riguardato i profili di 1.159 malati di SM e 1.172 individui sani. Entrambi gli studi sono giunti alla conclusione che non consumare caffè nell’anno precedente alla manifestazione dei primi sintomi abbiamo portato a un rischio 1,5 volte maggiore se confrontato con chi consumava grandi dosi giornaliere.

Secondo lo studio svedese il rischio aumentava di 1,5 volte nei confronti di chi consumava almeno 6 tazze al giorno, mentre nella ricerca statunitense il confronto era con i consumatori di almeno 4 tazze di caffè giornaliere. I ricercatori svedesi hanno inoltre registrato un effetto protettivo da parte della bevanda quando consumata in maniera abbondante nel periodo che va tra i 5 e i 10 anni prima della manifestazione dei sintomi.

I ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora hanno affermato infine come l’effetto benefico del caffè potrebbe derivare dalla caffeina, uno dei suoi ingredienti più rilevanti:

La caffeina presenta effetti neuroprotettivi e sembra sopprimere le citochine che favoriscono l’infiammazione, il che può spiegare l’associazione osservata.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio