Batterio killer: morto un bambino. Sono 37 le vittime

Batterio killer: morto un bambino. Sono 37 le vittime

Per la prima volta, l'epidemia legata alla variante pericolosa di E. coli provoca la morte di un bambino. E intanto sarebbero state trovate tracce del batterio killer nella lattuga

Nonostante le rassicurazioni del governo tedesco, è salito a 37 il numero di vittime provocate dall’epidemia del batterio E.coli (Ehec) in Europa. Le autorità locali hanno infatti annunciato un nuovo decesso, per la prima volta quello di un bambino di due anni, originario del nord della Germania.

Secondo le notizie ufficiali, il piccolo sarebbe morto la scorsa notte nell’ospedale di Hannover, in Bassa Sassonia, dove era ricoverato dopo aver manifestato i sintomi tipici dell’epidemia.

Dopo settimane di incertezza, venerdì scorso è stata finalmente identificata l’origine della contaminazione. Si tratterebbe di germogli di vari legumi, tra cui la soia, provenienti dall’azienda biologica Gaertnerhof, nel nord della Germania, che è stata immediatamente chiusa.

Il settimanale Der Spiegel, comunque, rivela un altro tassello di questa preoccupante vicenda: altre tracce del batterio killer sono state trovate anche nella lattuga. La nuova scoperta riferisce dell’individuazione di un ulteriore ceppo probabilmente correlato con quello epidemico, gettando di conseguenza ulteriori dubbi sull’operato delle autorità tedesche.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Uber JUMP: come noleggiare le biciclette elettriche