• GreenStyle
  • Salute
  • Batterio killer: 210 milioni di euro agli agricoltori dall’UE

Batterio killer: 210 milioni di euro agli agricoltori dall’UE

Batterio killer: 210 milioni di euro agli agricoltori dall’UE

L'Europa ha deciso di aumentare a 210 milioni di euro il risarcimento agli agricoltori per i danni causati dal batterio killer di cui non è ancora chiara l'origine

Dopo che la maggior parte dei governi europei aveva giudicato insufficiente il risarcimento di 150 milioni di euro, la Commissione europea ha deciso di innalzare fino alla soglia dei 210 milioni di euro gli aiuti economici che spettano agli agricoltori danneggiati economicamente dall’insufficienza con cui è stata gestita la vicenda dell’epidemia provocata dal batterio killer.

In una conferenza stampa il commissario UE all’Agricoltura, Dacian Ciolos, ha infatti dichiarato:

In tutto abbiamo un budget di 210 milioni di euro che saranno destinati a questa misura. Il pacchetto ci permetterà di rispondere alle richieste di risarcimento che vanno dal 26 maggio alla fine di giugno.

Come ricorderete, la domanda di prodotti ortofrutticoli, soprattutto cetrioli, lattuga e pomodori, ha subito nei giorni scorsi una preoccupante caduta, legata al fatto che le autorità tedesche avevano erroneamente indicato in tali vegetali la possibile fonte della malattia.

Dopo una lunga serie di dichiarazioni, smentite e rettifiche (l’ultima proprio ieri, in cui il ministro della Salute, Daniel Bahr, aveva dichiarato che “il numero di nuove infezioni sta diminuendo in maniera significativa”, N.d.R.), il dato di fatto è che non è comunque ancora chiara l’origine dell’infezione che ha ucciso 25 persone.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La Mobilità si fa in 4, l’iniziativa di Arval per le scuole