• GreenStyle
  • Energia
  • Batterie agli ioni di sodio più efficienti grazie a nuovo materiale

Batterie agli ioni di sodio più efficienti grazie a nuovo materiale

Batterie agli ioni di sodio più efficienti grazie a nuovo materiale

Grazie a un nuovo materiale per la costruzione del catodo le batterie agli ioni di sodio saranno più economiche e sostenibili.

Le batterie agli ioni di sodio potrebbero presto diventare più efficienti e sostenibili grazie a un nuovo materiale per la costruzione del catodo, sicuro ed economico. A sviluppare l’innovativo materiale è stato un team di ricercatori dell’Università del Texas di Austin.

L’équipe di scienziati che si è occupata di mettere a punto la nuova batteria agli ioni di sodio, afferente alla Cockrell School of Engineering dell’ateneo americano, è stata coordinata dal professor John Goodenough, inventore della batteria agli ioni di litio.

L’obiettivo della ricerca era l’identificazione di un materiale più conveniente ed ecologico per costruire batterie agli ioni di sodio a basso costo, da impiegare come sistemi di accumulo negli impianti rinnovabili e per alimentare le auto elettriche.

Secondo gli scienziati il sodio può rappresentare una valida alternativa al litio nelle batterie ricaricabili perché è ampiamente disponibile in natura, ha costi bassi e provoca un impatto ambientale ridotto. Il litio al contrario è una risorsa limitata e la sua scarsa disponibilità fa lievitare i costi di produzione delle batterie.

I ricercatori hanno individuato un minerale atossico ed economico per realizzare il catodo: l’eldfellite. Il nuovo catodo è costituito da strati di sodio e ferro fissi che consentono l’inserimento e la rimozione dell’elemento senza danneggiare l’integrità della struttura.

Grazie al nuovo catodo i ricercatori sono riusciti a risolvere una delle principali criticità delle batterie agli ioni di sodio: l’instabilità dei materiali. Gli scienziati nei prossimi mesi si concentreranno sulla risoluzione di altri punti deboli della tecnologia: il peso e le scarse prestazioni. Il catodo realizzato ha raggiunto una capacità specifica equivalente a soli 2 terzi rispetto alla densità delle batterie agli ioni di litio.

Preetam Singh, uno degli autori dello studio, auspica che i progressi compiuti dal team nella ricerca sulle batterie agli ioni di sodio rappresentino uno stimolo per altri scienziati. I ricercatori si mostrano fiduciosi e sono convinti che presto la tecnologia potrà entrare in commercio. I dettagli della sperimentazione sono disponibili sulla rivista specializzata Energy & Environmental Science.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sistemi di accumulo: intervista a Marco Pigni di FIAMM