• GreenStyle
  • Salute
  • Barba hipster, allarme batteri: aumenta rischio infezioni alla pelle

Barba hipster, allarme batteri: aumenta rischio infezioni alla pelle

Barba hipster, allarme batteri: aumenta rischio infezioni alla pelle

Barba da hipster: pericolo batteri, può aumentare rischio infezioni secondo uno studio britannico.

La nuova moda della barba da hipster potrebbe risultare dannosa per la salute. Secondo quanto affermato da alcuni ricercatori britannici della Aston University questo tipo di barba favorirebbe l’accumulo di batteri a ridosso della pelle, finendo con il danneggiarla e il favorire il rischio di infezioni.

La barba hipster si ispira ai coloni dell’800, risulta lunga e folta, oltre che molto curata nella forma e nella sua pulizia. Tuttavia queste cure non risulterebbero sufficienti a ridurre il potenziale pericolo per la pelle derivato dai batteri, che si anniderebbero sotto il suo strato in un numero prossimo ai 20mila.

Pubblicato sulla rivista Anaestesia, questo studio ha rilevato alte quantità di batteri sulla pelle anche dopo la normale pulizia. Come ha spiegato il Dr. Anthony Hilton, capo del dipartimento di biologia dell’Aston University:

La barba ospita più batteri rispetto a un viso ben rasato, anche dopo averla lavata i germi rimangono un pericolo per la pelle. Se si è raffreddati è facile che gli stafilococchi, batteri che causano diverse malattie, rimangono intrappolati a lungo nei peli. Se si bacia una persona ecco che si diffonde il batterio.

A difesa della barba è invece intervenuto Hugh Pennington, professore emerito di batteriologia presso l’Università di Aberdeen, che ha affermato:

Ci sono gli stessi batteri che vivono sul derma del viso. La barba non è un problema d’igiene né un rischio per la salute.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Campus Peroni: intervista a Cristina Hanabergh