• GreenStyle
  • Pets
  • Balena ingoia troppa plastica, muore arenata sulla spiaggia

Balena ingoia troppa plastica, muore arenata sulla spiaggia

Balena ingoia troppa plastica, muore arenata sulla spiaggia

Fonte immagine: Pixabay

Una balena ingoia troppa plastica e finisce arenata sulla spiaggia, dove purtroppo perde la vita: accade in Thailandia per colpa dell'inquinamento.

L’inquinamento da plastica rappresenta una delle sfide ambientali più importanti per il futuro, poiché i rifiuti che si accumulano nei mari e negli oceani stanno letteralmente uccidendo la fauna e la flora acquatica. È quanto dimostra un triste caso avvenuto in Thailandia, dove una balena si è arenata sulla spiaggia ed è purtroppo deceduta, dopo aver ingoiato grandi quantità di questo materiale.

Il tutto è avvenuto negli ultimi giorni lungo le coste della provincia di Songkhla, in prossimità del confine malese, dove una balena di medie dimensioni si è arenata sulla spiaggia. Non capita di rado che i grandi cetacei del mare perdano la bussola, finendo incagliati sulla sabbia, spesso poi aiutati dalle autorità e dai volontari a liberarsi e riprendere la via del mare. Questo caso, però, si è rivelato del tutto differente agli occhi delle persone che sono giunti velocemente in soccorso dell’animale.

La balena, ormai in fin di vita, ha infatti cominciato a rigurgitare del materiale plastico, dei sacchetti comunemente utilizzati per la spesa. L’animale è riuscito a espellerne cinque autonomamente, ma questo non è bastato per permettergli di sopravvivere: ormai fortemente denutrito, ha perso le forze fino a morire, poiché i rifiuti ne hanno bloccato lo stomaco impedendo la normale nutrizione.

Le autorità locali hanno disposto un’autopsia sul cetaceo, un globicefalo pilota, e le indagini hanno svelato una dura realtà: l’esemplare presentava nel suo stomaco ben 8 chili di plastica, tale da non permetterne il corretto assorbimento dei cibi. Un totale di 80 sacchetti è stato rimosso dal corpo della balena, per un dramma che ogni anno colpisce migliaia di animali.

Gli abitanti delle acque marine, infatti, non sono in grado di distinguere i rifiuti dalle loro prede, sono quindi naturalmente portati a ingerire grandi quantitativi di plastica perché scambiati per plancton, piccoli pesci e molto altro ancora. Non è però tutto, poiché spesso rimangono intrappolati negli stessi rifiuti, così come accade purtroppo di frequente alle bellissime tartarughe.

Seguici anche sui canali social