• GreenStyle
  • Auto
  • Le auto fuel cell sono un’idiozia, parola di Elon Musk di Tesla

Le auto fuel cell sono un’idiozia, parola di Elon Musk di Tesla

Le auto fuel cell sono un’idiozia, parola di Elon Musk di Tesla

Elon Musk, CEO di Tesla, si scaglia contro le auto a celle a combustibile, che ritiene inaffidabili e pericolose.

L’alimentazione delle automobili a benzina e diesel rappresentano il presente, ma certamente non il futuro della mobilità. I più ottimisti tra gli ecologisti sperano che l’auto del 2020 e oltre sia alimentata da energia elettrica o al massimo siano ibride, mentre altri preferirebbero che le auto fossero alimentate dalle celle a combustibile. Si tratta di metodi molto più efficienti e meno inquinanti rispetto a quelli odierni, ma sempre di combustibili si tratta.

Nel dibattito è intervenuto ieri Elon Musk, il CEO di Tesla, che ci è andato giù decisamente pesante. Durante un convegno tenuto in Germania sull’auto elettrica e sui modi per far accelerare il processo verso il trasporto sostenibile, alla domanda su questa tecnologia Musk ha risposto:

Oh Dio, le celle a combustibile sono str…te!

Non le manda di certo a dire il CEO di una delle principali case produttrici di auto elettriche. che certamente ha interesse a screditare i combustibili, ma le sue ragioni sono condivisibili. Musk spiega che è inutile continuare a illudere i clienti puntando sulle nuove tecnologie basate sugli idrocarburi perché questi stanno per finire.

Allo stesso modo non avrebbe senso gettare soldi e risorse nella ricerca di celle a combustibile super efficienti se la materia prima più importante, l’idrogeno, non si può ritenere affidabile.

Il discorso ad un certo punto si sposta quasi sul piano personale quando Musk spiega che questa tecnologia non lo convince, tanto da essere sicuro che le case automobilistiche che pubblicizzano le auto a idrogeno lo fanno solo per una questione di marketing:

L’idrogeno è un gas molto pericoloso. Sapete, è adatto per un razzo, non per le auto.

Il CEO di Tesla ribalta la questione rispetto alla visione comune. Ovviamente Elon Musk non era in Germania solo per denigrare la tecnologia delle celle a combustibile, ma soprattutto per rilanciare le sue auto elettriche e in particolare la Tesla Model S.

Tra gli interventi in favore dello sviluppo del mercato, Musk ha annunciato l’installazione di 40-50 stazioni di ricarica nel Paese, a distanza di non più di 200 km l’una dall’altra, e una nuova generazione di colonnine a ricarica più rapida. L’obiettivo è di vendere 200-300 auto elettriche a settimana entro la fine del 2014.

Seguici anche sui canali social