• GreenStyle
  • Auto
  • Auto elettriche: tutti i numeri della filiera del Made in Italy

Auto elettriche: tutti i numeri della filiera del Made in Italy

Auto elettriche: tutti i numeri della filiera del Made in Italy

Fonte immagine: iStock

Auto elettriche: ecco quali sono i numeri della filiera made in Italy svelata da Motus-E.

Mobilità elettrica e Made in Italy un binomio che in pochi conoscevano e che Motus-E (associazione italiana a riunire operatori industriali della e-mobility, filiera dei trasporti, mondo accademico, consumatori) e The European House – Ambrosetti hanno svelato in una conferenza stampa in cui sono stati presentati i numeri di un settore in grande crescita nel Belpaese. Ad essere prese in esame sono state ben 2800 società appartenenti alla filiera della mobilità elettrica facendo emergere dati molto interessanti: nel quinquennio 2013–2017 si è passati da un fatturato di 2,2 miliardi di euro a circa 6 miliardi di euro nel 2017, una crescita del +28,7%.

L’Italia, nonostante non sia una delle nazioni guida nell’ambito della mobilità elettrica, ha dunque un rate di crescita importante e inizia ad avere aziende sempre più attive e dinamiche.

Dino Marcozzi, Segretario Generale di MOTUS-E ha dichiarato:

“La mobilità elettrica può rappresentare un volano per lo sviluppo dell’intero sistema-Paese. Lo studio realizzato con The European House – Ambrosetti dimostra che le nostre imprese sono già pronte e stanno affrontando con coraggio le sfide della transizione. Questo studio è il punto di inizio di un percorso più approfondito che coinvolgerà comparti industriali e decisori pubblici in un’azione sinergica che punti all’espansione di questo settore strategico per il nostro Paese.”

I numeri potrebbero crescere ancora nei prossimi anni, al 2030 lo studio ha stimato che si potrebbe arrivare a 10.000 imprese italiane operanti nel settore.

Lo studio ha inoltre stilato 10 punti chiave che contraddistinguono la declinazione Made in Italy della mobilità elettrica. Tra questi in particolare vogliamo citare 3 aspetti che sono a nostro avviso significativi per comprendere le potenzialità presenti di questa nuova filiera industriale:

1) A partire dalle oltre 160 realtà già presenti nel settore, possono essere coinvolte nella transizione verso la e-Mobility più di 10 mila imprese attive in settori ad essa collegabili attraverso un processo di riconversione/focalizzazione dell’attuale modello di business.

2) L’intera filiera allargata della mobilità elettrica in Italia vale oggi circa 6 miliardi di Euro.

3) Circa la metà delle imprese e del fatturato della filiera core della mobilità elettrica si concentra nel Nord Ovest, ma cresce gradualmente il peso del Centro-Sud Italia.

Naturalmente per spiccare il volo questo comparto industriale, importantissimo per la mobilità dei prossimi anni, avrà bisogno di essere supportato adeguatamente a livello politico, ma questa non è l’unica indicazione strategica data dallo studio di Motus-E. Saranno essenziali infatti l’orientamento all’internazionalizzazione delle imprese presenti su territorio italiano e la promozione di Ricerca e Sviluppo per continuare ad essere competitivi a livello mondiale.

Di seguito rendiamo disponibile l’executive summary del rapporto La filiera della mobilità elettrica “Made in Italy”: imprese, territori e tecnologie della e-Mobility.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Orso M49: il video editoriale di Alfonso Pecoraro Scanio