• GreenStyle
  • Auto
  • Auto elettriche: Lavinia SE supercar italiana a zero emissioni

Auto elettriche: Lavinia SE supercar italiana a zero emissioni

Auto elettriche: Lavinia SE supercar italiana a zero emissioni

Fonte immagine: Tecnicar

La startup siciliana Tecnicar ha presentato la supercar elettrica Lavinia S.E. ad altissime prestazioni che potrebbe arrivare sul mercato il prossimo anno.

Si chiama Lavinia S.E., nasce in Sicilia e ha l’ambizione di portare la propulsione elettrica a un nuovo livello grazie a prestazioni capaci di mettere in imbarazzo parecchie sportive blasonate con motore tradizionale. La protagonista in questione è un’inedita supercar a zero emissioni realizzata da Tecnicar, una piccola azienda di Siracusa che ha già all’attivo la realizzazione di diversi mezzi di trasporto elettrici.

La Lavinia S.E è realizzata con materiali leggeri che aiutano a mantenere il peso piuttosto contenuto. Come in molte auto da corsa, infatti, la carrozzeria è costruita in fibra di carbonio si aggiunge ai freni in ceramica per confermare l’alto livello di tecnologia del progetto.

La struttura della supercar elettrica vanta una rigidità torsionale superiore del 27% rispetto alle altre vetture di pari tipologia, mentre il peso è inferiore di circa il 20% e favorisce enormemente le prestazioni.

Secondo i dati dichiarati da Tecnicar, la Lavinia S.E. possiede un motore elettrico da 800 cavalli in grado di assicurare un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi e una velocità massima pari a 300 km/h, con un’autonomia di 300 chilometri grazie al pacco batterie da 45 kWh.

La vettura è al momento un prototipo, del quale non sono stati definiti tutti i dettagli e non sono quindi chiari i piani relativi al suo arrivo sul mercato. Tecnicar non ha rilasciato informazioni a tale riguardo, ma è possibile che la presentazione ufficiale possa avvenire la prossima primavera, magari sotto i riflettori del Salone di Ginevra 2015.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ciliegie senza glifosato: interviste ad Apofruit e Coop