OSVehicle: l’auto elettrica fai da te

OSVehicle: l’auto elettrica fai da te

Si chiama OSVehicle ed è un progetto di automobile "open source" che sarà possibile personalizzare e assemblare da soli in meno di un'ora.

Mettere a disposizione del pubblico uno schema tecnico di base al quale l’abilità e l’ingegno di chi intende contribuire al progetto può aggiungere nuove funzionalità e perfezionandone le caratteristiche, esattamente seguendo lo spirito che caratterizza il cosiddetto “open source” nel mondo del software. È questa l’essenza del progetto OSVehicle, una piattaforma automobilistica libera, versatile e aperta a svariate modifiche nonché pronta per la produzione in serie.

Il progetto si divide in due varianti di veicoli chiamati Tabby e Urban Tabby, con il primo a funzionare più che altro da laboratorio sperimentale in cui si concentrano alcune soluzioni per la mobilità i cui schemi sono liberamente scaricabili dagli utenti, che possono condividerli, modificarli e farne la base su cui sviluppare idee per nuovi mezzi di trasporto.

Lo Urban Tabby, invece, è una vera e propria automobile compatta che, oltre a essere altamente personalizzabile a seconda delle esigenze di ogni cliente, è dotata di quanto serve per la circolazione stradale. Ma il vero punto di interesse è rappresentato sicuramente dalla possibilità di essere assemblata in meno di un’ora, ovviamente a patto di avere la giusta dose di manualità e lo spazio necessario per armeggiare con i pezzi che ne compongono il pianale.

Una volta costruita, la vettura mette a disposizione un abitacolo aperto dotato di due posti sufficientemente ampi e paragonabili a quanto avviene in una microcar per la città. Il sistema di propulsione può essere costituito da uno schema completamente elettrico o da una soluzione ibrida, con quest’ultima che sarà disponibile già in primavera, mentre per un Urban Tabby a zero emissioni sarà necessario attendere ancora diversi mesi. I prezzi saranno compresi tra 4.000 e 6.000 euro.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella