• GreenStyle
  • Auto
  • Auto elettriche: Google Maps indicherà colonnine e tipo di connettore

Auto elettriche: Google Maps indicherà colonnine e tipo di connettore

Auto elettriche: Google Maps indicherà colonnine e tipo di connettore

Fonte immagine: kool99 via iStock

Google Maps aggiunge una funzione che permette di individuare i tipi di connettori nei punti di ricarica delle auto elettriche.

Google Maps arriva in soccorso dei possessori delle auto elettriche fornendo informazioni sui diversi connettori di ricarica presenti su di una colonnina. Chi utilizza un’auto a batteria sa benissimo che ci sono diversi standard in uso per ricaricarle. Per le ricarica in corrente continua, per esempio, Nissan utilizza i connettori ChadeMo, mentre i modelli europei i connettori CCS Combo. Ci sono poi i Supercharger di Tesla, i connettori di Tipo 2 per la ricarica in corrente alternata e così via.

Google Maps prova quindi a mettere un po’ di ordine in questa “confusione”, offrendo agli utenti non solo la possibilità di trovare una colonnina di ricarica, cosa già presente da un po’ di tempo, ma anche di sapere il tipo di connettore presente. Sicuramente un bell’aiuto per tutti coloro che sono alla ricerca di un punto di ricarica per la loro auto elettrica.

Sfruttare questa possibilità è davvero molto semplice. Effettuando una ricerca per trovare la colonnina più vicina, apparirà all’interno dei risultati un nuovo menu che permette di filtrare i risultati in base al connettore compatibile del proprio veicolo.

Inoltre, all’interno del menu delle Impostazioni è presente una nuova voce che permette di scegliere di default il proprio connettore preferito. Trattasi di funzioni già viste su alcune app espressamente dedicate alla mobilità elettrica, ma fa molto piacere che anche Google Maps abbia deciso di implementarle, facilitando così gli spostamenti senza costringere le persone a passare da un’app all’altra.

Al momento, queste novità dedicate alle auto elettriche sono disponibili solamente per gli utenti americani e sembra solo per Android. L’auspicio è che Google distribuisca queste nuove funzionalità anche agli utenti al di fuori dei confini statunitensi.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

EICMA 2018: intervista a Livia Cevolini – Energica Motor Company