• GreenStyle
  • Auto
  • Auto elettriche: Dyson, investimenti per 150 milioni di dollari

Auto elettriche: Dyson, investimenti per 150 milioni di dollari

Auto elettriche: Dyson, investimenti per 150 milioni di dollari

Dyson è pronto a investire 150 milioni di dollari sulle auto elettriche, la prima vettura attesa su strada entro il 2020.

James Dyson è pronto a rischiare tutto il suo patrimonio sulle auto elettriche. L’inventore dell’aspirapolvere senza sacchetto ha deciso di investire 150 milioni di dollari sulla costruzione di strutture per lo svolgimento dei test e per lo sviluppo di una vettura “zero emission”, da lanciare entro il 2021.

L’investimento da 116 milioni di sterline (150 mln di dollari) dimostra la chiara intenzione di Dyson di entrare con decisione nel settore delle auto elettriche. Le prove delle vetture verranno effettuate su un ex aeroporto della Seconda Guerra Mondiale (aperto nel 1937), destinato inizialmente all’addestramento piloti della Royal Air Force e situato nel Wiltshire (West England), al fine di raddoppiare la capacità di collaudo dei veicoli. A disposizione dei test oltre 16 km di piste.

Vicino al campo di aviazione verrà inoltre realizzato un complesso di edifici che potrà ospitare oltre 2 mila persone, mentre saranno 400 gli ingegneri impegnati nel progetto della nuova auto elettrica. I primi test su strada della vettura sono previsti per il 2020, mentre il lancio vero e proprio dovrebbe avvenire entro il 2021.

Non esiste al momento nessun prototipo della nuova vettura, che però promette di inserirsi tra le aspiranti avversarie di Tesla nel segmento delle auto elettriche premium (fascia alta di mercato). Possibile anche l’introduzione di alcune funzionalità di guida autonoma. Lo stesso Dyson ha sottolineato di puntare sulle batterie, con una soluzione studiata appositamente per battere la concorrenza, malgrado mantenga una certa cautela sulla realizzazione del progetto:

Non si sa mai con questo genere di cose. Qualche problema può sempre saltar fuori improvvisamente. È una cosa complessa da sviluppare e ancora di più da costruire.

Seguici anche sui canali social