• GreenStyle
  • Auto
  • Auto diesel, Germania verso il bando: Merkel sosterrà le elettriche

Auto diesel, Germania verso il bando: Merkel sosterrà le elettriche

Auto diesel, Germania verso il bando: Merkel sosterrà le elettriche

Fonte immagine: whodol / Pixabay

Angela Merkel e la Germania stanno prendendo posizioni sempre più dure contro i motori a combustione per favorire le auto elettriche contro l'inquinamento.

Come ha rivelato la cancelliera Angela Merkel la Germania potrebbe ben presto vietare la vendita delle auto alimentate sia con motori a gas che diesel. La stampa estera sta insistendo molto su questa notizia. A quanto pare nelle intenzioni del governo tedesco ci sarebbe di arrivare ben presto questo obiettivo, anche se non è stato nominato un anno esatto.

Angela Merkel vorrebbe investire più in infrastrutture per la ricarica e sulle tecnologie per le auto elettriche. Anche un portavoce del Governo tedesco ha confermato le parole della Merkel, riferendosi a come le case automobilistiche oggi costituiscano una delle più grandi industrie della Germania, anche per ciò che riguarda le esportazioni e i guadagni che se ne ricavano.

La Merkel starebbe cercando soprattutto di adeguarsi alle pressioni che la spingono a prendere una posizione più dura sull’inquinamento atmosferico. Tutto ciò sulla scia di vari scandali che si sono susseguiti nel tempo sul funzionamento dei motori diesel e sulle eventuali manipolazioni che le case automobilistiche metterebbero in atto, non preoccupandosi delle emissioni di gas inquinanti.

Dopo un incontro con le autorità l’industria automobilistica tedesca ha accettato di recente di modificare più di 5 milioni di automobili diesel per ridurre le emissioni, ma il governo tedesco sembra voler andare oltre, soprattutto per soddisfare i termini dell’Accordo di Parigi sul clima.

La stessa Angela Merkel ha spiegato che gli obiettivi climatici fissati per il 2050, la riduzione di anidride carbonica pari all’80-95%, sono molto ambiziosi da raggiungere. Si parla di vera e propria “crisi diesel”, che viene riconosciuta come un rischio i cui effetti non possono essere stimati al momento, nemmeno in termini di sviluppo economico globale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella