Australia, temperature a 50 gradi: colpa di incendi e global warming

Australia, temperature a 50 gradi: colpa di incendi e global warming

Riscaldamento globale e incendi stanno aggravando la situazione in Australia, dove si è toccato un nuovo record di temperature: 49,9 gradi centigradi.

Caldo record in Australia a causa degli incendi che stanno devastando la nazione. Ieri è stata rilevata una temperatura massima media (calcolata in base ai dati provenienti da 700 località australiane sparse per il Paese) di 41,9 gradi centigradi, superando il precedente record di 40,9°C, stabilito appena il giorno prima. Ben oltre i 40,3 del precedente primato, stabilito quasi 7 anni fa (7 gennaio 2013). Ancora più impressionante la massima assoluta toccata a Nullarbor, South Australia, dove il termometro si è fermato solo di fronte ai 49,9°C. Un caldo che continua alimentare i roghi, mietendo vittime non solo animali – con 2.000 koala deceduti: nel corso degli ultimi giorni due pompieri hanno perso la vita.

Le temperature ben oltre l’attesa sono frutto di diversi fattori, spiegano i meteorologi australiani, alcuni naturali e altri legati ai cambiamenti climatici. Come ha dichiarato al Guardian Australia il dott. Karl Braganza, del Bureau of Meteorology:

La variabilità naturale e il riscaldamento globale stanno spingendo nella stessa direzione. Questo è il motivo per cui stiamo infrangendo diversi record.

Tra i fenomeni naturali coinvolti l’Indian Ocean Dipole, che ha lasciato condizioni estremamente “secche”, e il Southern Annular Mode, che ha portato picchi di caldo nelle zone del New South Wales predisponendo tali zone allo sviluppo di incendi. Il riscaldamento globale ha giocato un ruolo nei recenti sviluppi meteorologici in Australia secondo la dott.ssa Sarah Perkins-Kirkpatrick, climatologa (specializzanda in eventi estremi) presso la University of New South Wales:

Senza la CO2 extra in atmosfera farebbe ancora caldo, ma dubito fortemente che avremmo registrato record così ravvicinati tra loro. Siamo ancora all’inizio dell’estate e c’è ancora molto tempo prima che rinfreschi. È preoccupante e un po’ frustrante, ma questo è ciò che i climatologi hanno ripetuto per decenni. Mi verrebbe da dire “Te l’avevo detto”, ma non credo che qualcuno voglia sentirselo dire.

Fonte: The Guardian

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un time lapse mostra come l’uomo sta distruggendo la Terra