Australia: dopo gli incendi, grandinate violente e tempeste di sabbia

Australia: dopo gli incendi, grandinate violente e tempeste di sabbia

Fonte immagine: Pixabay

Non solo gli incendi, anche il maltempo sta mettendo in ginocchio l'Australia: violente grandinate a Canberra, ma anche tempeste di sabbia.

Situazione sempre più critica per le regioni meridionali dell’Australia, colpite nelle ultime settimane non solo dagli incendi, ma anche dalla morsa del maltempo. Le violente precipitazioni cadute nel corso dell’ultima settimana, pur risultando d’aiuto per contenere le fiamme, hanno infatti creato nuovi disagi alla popolazione. La città di Canberra, ad esempio, è stata colpita da una terribile grandinata, mentre in tutto il Nuovo Galles del Sud si assiste a pericolose tempeste di sabbia. Gli esperti non sembrano avere troppo dubbi: le anomalie in corso sarebbero una conseguenza diretta dei cambiamenti climatici.

Le precipitazioni sono cominciate nel corso del weekend su grandi porzioni dell’Australia sudorientale, portando come primo effetto positivo la riduzione delle temperature e il contenimento di molti roghi. La piaga degli incendi non è ancora stata completamente superata, tuttavia le piogge si sono rivelate salvifiche. Negli scorsi giorni, però, si erano già manifestate delle conseguenze poco gradite dalle tempeste: si sono registrati allagamenti, smottamenti dei terreni già colpiti dagli incendi e la possibile penetrazione di cenere e sostanze nocive generate dalla combustione nelle falde acquifere.

Non è però tutto: a partire da lunedì, l’area di Canberra è stata colpita da violente grandinate, con veri e propri proiettili di ghiaccio lanciati a tutta velocità, tanto da infrangere i parabrezza delle vetture, spezzare rami degli alberi e procurare danni ai tetti delle abitazioni. Molti anche gli animali rimasti feriti a causa della grandinata, in particolare uccelli, colpiti mentre cercavano riparo sugli alberi.

Sempre negli stessi giorni, una forte tempesta di sabbia ha colpito alcune cittadine del Nuovo Galles del Sud, con nubi cariche di detriti che hanno letteralmente coperto i territori colpiti. I maggiori danni si sono registrati a Narromine, Dubbo e Parkes, dove la polveri – trascinate dal vento a oltre 95 chilometri orari – hanno tratteggiato uno scenario quasi apocalittico.

 

Fonte: CNN

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un time lapse mostra come l’uomo sta distruggendo la Terra